26 settembre, 2017

Poesia introduzione poemetto "Eleonora d'Arborea" GALLURESE CON TRADUZIONE

Casteddu Saldu ( con traduzione)

Da monti Ussoni a Multeddu
passend'a primmù manzanili,
mi piddàani li sintori abbeddu
di lintori prufumm'in sbrinduli.

Puru d'allongu lu cor'intendi
ciubbat'odòri di tarra e mari
da daretu Baia Ostina arrièndi
di pazi e sirinitài non sò avari.

Pinzellu Divinu un guttiggiu
i l'azzurru mari ha lassatu falà,
è affiurat'un capputu muntiggiu
chi più maraiglia nò si pò pinsà

Caseddi, carreli, scalini s'acciarani
da bassu fin'a lu casteddu in punta,
girendil' in tundu la ghinduleggiani,
par'un coccoi alliviendi ped'i l'unda

Tarrazzi, balconi sempri fiuriti
di pianti grassi, ultensi, girani
di canestreddi sò, puru, culuriti
da l'abilitai di femmini casteddani.

Solu una striscia l'auni a la tarra
dugna tratta è un signu di la storia
di canti duminatori ani fattu gherra
primma e poi di li genuvesi Doria.

La palti antiga figgiula da l'altu,
tuttu di lu mediuevu faet'ancora
una passizata a Casteddu Saldu
nant'a li passi D'Arborea Elianora

---------------------------------------------------------
Dedicata a Castelsardo

Da monte Ussoni a Multeddu
andando al mattino presto,
i miei sensi erano fortemente rapiti
dal profumo di gocce di rugiada.

Pur ora che sono lontana, il cuore sente
accoppiati profumi della terra e del mare
che arrivando dalle spalle di baia Ostina
non sono avari di pace e serenità

Il pennello Divino una goccia
nell'azzurro del mare ha lasciato cadere,
è affiorata una tondeggiante collina
che di più meraviglioso non si può pensare.

Casette, stradine, scalini si affacciano,
dal basso, fino al castello sulla punta,
girandole attorno la circondano,
sembra un lumacone che dà sollievo al piede sull'onda.

Terrazzi, balconi sempre fioriti
di piante grasse, ortensie, gerani
fanno colore anche i canestri
fatti dalle mani abili delle castellanesi

Solo una striscia l'unisce alla terra
ogni orma è una traccia di storia
di quanti se la son contesa
prima e dopo i genovesi Doria.

Osservo dall'alto la parte antica
dove vive ancora il Medioevo
una passeggiata a Castelsardo
sui passi d'Eleonora d'Arborea
















2 commenti:

Enrico zio ha detto...

Ogni parola di questa tua opera trasmette l'amore per la tua bella terra.
Felice giornata, un abbraccio
enrico

maria antonietta Sechi ha detto...

grazie Enrico
un abbraccio mietta