La fantasia e il tempo viaggiano insieme mescolando i colori

BENVENUTI NEL MIO BLOG...il mio diario di viaggio tra fantasia e realtà. Se passate lasciate un commento..mi farete cosa gradita Mariantonietta

Visualizzazioni totali

se ti piacciono i miei "appunti di viaggio" iscriviti tra i miei lettori fissi.....mi farà piacere.

23 luglio, 2014

Poesia...Le rose blu

Poesia...Le rose blu.


Dolce malinconia
di una sera d'estate
nel chiaror lunare.
Tracce di spiagge
di gioventù assolate.
Petali vellutati
di bianche rose
sulla casta pelle
sfiorata
da primizie d'amore.
Seppur,
sfumate nel tempo ,
riaffiorano,
in tremolio d'onda,
nei sensi avviluppati
nell'azzurro stellare.
Dove scintillano
non più bianche ma blu
di passione accese
in amplesso
tra cielo e mare.









16 commenti:

MikiMoz ha detto...

Sesanzioni perse e lontane nel tempo, ma che tornano con i ricordi leggeri come petali.

Moz-

maria antonietta Sechi ha detto...

Sai Moz
la gioventù passa velocemente ...solo allora ti accorgi che era il tempo migliore della tua vita...rimpianto? forse, per non avergli dato il giusto valore pensando che il meglio venisse dopo....le prime emozioni...perdono d'intensità ma non svaniscono..
un abbraccio

Stella Paola ha detto...

Molto bella, sembra di toccar con mano la 'trasformazione' della rosa, che da bianca diviene blu quasi a simboleggiare che a volte si cambia forma, si cambia colore, ma in fondo tutto è sempre uguale.

Stella Paola ha detto...

Molto bella la poesia, sembra di vedere materialmente la trasformazione della rosa, che da bianca diviene blu, quasi a simboleggiare come le cose cambino forma, colore, ma in fondo rimangono sempre uguali.
E per ricollegarmi anche al commento che hai lasciato poco su in risposta a Moz, penso che sia proprio vero: a volte sminuiamo il tempo che stiamo vivendo perché crediamo che quello dopo sarà sempre migliore, come se fosse una continua corsa in cui il traguardo si sposta sempre più avanti e noi passiamo la vita a rincorrerlo ignorando le vittorie già raggiunte. Invece basterebbe rallentare un pochino e godere di ogni piccolo passo sorridendo al pensiero che ciò che ci attende è sempre più bello, ma ricordando che quello che già si ha deve essere vissuto a mille

Xavier Queer ha detto...

Suggestiva, romantica, delicata. L'emozione del primo amore non si dimentica e se il rimpianto si fa sentire basta aprire quella porticina segreta che sta nel cuore di ognuno di noi per rivivere quell'emozione con la stessa intensità!
Un abbraccio
p.s. Sei arrabbiata con me?

maria antonietta Sechi ha detto...

Sono felice che abbiate colto il valore della poesia. Il primo amore, il primo bacio, la prima carezza...quei primi indescrivibili brividi, ti tolgono il fiato...sanno di petali di rosa bianca, poi si cresce, l'amore resta ma il sesso prevale, si matura ancora entrando in una fase di equilibrio, poi l'amore diventa condivisione affettiva....e la rosa non sbianca più...distingue e coinvolge pienamente tutto il suo essere...passionale blu, come il mare e il cielo privi della linea dell'orizzonte...baci,baci
Xav ti ho risposto in privato.
smack

Vivy ha detto...

Non ci credo... hai creato una poesia sul colore della rosa che preferisco! :D Sei davvero brava e originale, e questa poesia emana una soave atmosfera...
un bacio grande!

stella dell'est ha detto...

Mi è piaciuta molto questa tua lirica che attraverso la metafora della rosa che da bianca diventa blu ci fa capire che il tempo passa.Complimenti Maria Antonietta!

maria antonietta Sechi ha detto...

Carissima Vivy
sei stata fonte d'ispirazione.
La tua gioiosa giovinezza , le rose bianche, la mia maturità le rose blu, l'azzurro del cielo illuminato dalle stelle, la mano del compagno di una vita che cerca la tua...la rosa rossa è una passione destinata a morire, la rosa blu dura finchè gli occhi vedranno il mantello stellato alla sera...baci

maria antonietta Sechi ha detto...

carissima Stella
i poeti diventano tali quando persone sensibili leggendo i loro versi ne vengono coinvolti
grazie,sei gentile
un abbraccio

Xavier Queer ha detto...

Ciao nonna bis, ho controllato la mail ma non c'è niente, se non ti arreca troppo disturbo potresti riscrivermi? Sul blog c'è il modulo di contatto! Spero che stiate tutti bene.
Un abbraccio
Xavier

Melinda Santilli ha detto...

Ciao Mietta, sai perchè mi è piaciuta questa poesia?
Perchè è sensuale ma mai volgare, cosa che pochi riescono a fare oggi.
Un abbraccio forte!

maria antonietta Sechi ha detto...

La sensualità è un'armonico incontro tra due corpi, due anime...è dolce poesia..privata

maria antonietta Sechi ha detto...

ciao XAV
TI AVEVO SCRITTO NEL MODULO DI CONTATTO, TI HO RISCRITTOO
BACI COCCOLOSI
NONNINABIS

fata confetto ha detto...

Mietta cara,
bisognerebbe essere saggi da giovani per apprezzare pienamente le prime esperienze ed emozioni, ma la natura umana riserva le riflessioni ad un'epoca più matura: a ogni età corrisponde la sua poesia, come dicono i tuoi versi.
Un abbraccio:))
Marilena

maria antonietta Sechi ha detto...

Ciao Mary
è vero "c'est la vie!"
un abbraccio