La fantasia e il tempo viaggiano insieme mescolando i colori

BENVENUTI NEL MIO BLOG...il mio diario di viaggio tra fantasia e realtà. Se passate lasciate un commento..mi farete cosa gradita Mariantonietta

Visualizzazioni totali

se ti piacciono i miei "appunti di viaggio" iscriviti tra i miei lettori fissi.....mi farà piacere.

Ricordi di Portotorres


E' la prima volta che scrivo in portotorrese. Spero bene.

Dopo oltre 40 anni ritorno indietro ai ricordi dei miei primi vent'anni trascorsi a Porto Torres,mia città Natale.
Grazie a Face-Book ho ritrovato amici e conoscenti : Carlo Sedda e Anna Pini ,siamo nati in via Petronia. Rosanna Idini, compagna-amica di scuola. Giancarlo Perantoni, i nostri genitori amici e compari.Rosario Careddu suo padre amico-compare del mio, Nando Nocco ha ricostruito in miniatura il quartiere di San Gavino dove ho vissuto l'adolescenza.
A loro ed ai portotorresi che mi seguono dedico questi versi di ricordi
Chiedo scusa se non sono stata perfetta ma...42 anni di gallurese hanno influenzato il mio “sardo”
Grazie PORTOTORRES,grazie GALLURA

Posthutorra...puisia con traduzione

In te soggu nadda,
dall'ondi di lu mari ninnadda
pà vint'anni
sei isthadda casa mea
Posthutorra isthimadda

Trubbendi i lu camminu
pai me signaddu
da la vuruntai di Deu
mi soggu alluntanadda,
cussì era disthinu.

T'avia affrisciadda in un cuzzu
di lu cori meu
umpari a la mimòria di la giuvintura
ugnia tantu a la menti t'acciaravi
in rimpientu, mai in tristhura.

Abà chi soggu in pinsioni,
abà chi soggu mamma e nonna,
abà cu la cussenzia chi lu tempu
di li tennari fiori è passaddu.
abà m'appoggiu cun sirena marincunia,
a li petari di la pitzinnia.
L'accugliu da la menti
mi l'affiagnu a lu cori,
ad occi sarraddi
in sintimenti rinnubbaddi
intendu li prufummi
di lu tempu umpari.

Pà me sei sempri cumment'eri:
la via centrari affasthadda
e stirraddi l'altri carreri.
Schora di vidda chissa era
pà noi pitzinni giughendi,
briendi e appazzendi,finz'a sera,
candu, li mammi bugavani
a fora li brasceri pà azzindì lu fogu.
Cu lu vintagliuru buffavani
lu caibboni , da lu “dimoniu”
si pisavani l'ischinchiddi
e noi, abbaiddendi facci rui, incantaddi,

M'ammentu lu maschaddu
di pesciu freschu pienu
brinchendi annant'a lu bancu di granitu,
Buzzavani li vindiori
vantendi lu pischaddu
ma puru l'osthaglia frischa
e dognia fruttu a manu custhivaddu.

La schora “De Amicis” un monumentu”
pai me ammentu d'onori e vantu.

La gesghia di Santu Bainzu
cu li tre coipi e Santi,
la devozioni,
tutta Posthutorra in pruzzissioni a Barai,
cu li femmini chi pa dumandà una Grazia manna
andavani inginucciaddi chena finzioni,
prighendi non intindiani durori.

Lu mollu cu li facchini
pa scarriggà lu vapori,
e lu trenu, la stazioni?
Ponti romano, Re Baibbaru, Riu Mannu
costhi di gesghia,
...atriu comita?
Canti manigghi di scobba
m'ani pissighiddu
candu , pa fa primma
a andà da babbu, all'officina
m'avvinturava, che ascia di ventu,
da chissu spassizzu

Li lagrimi mi femmani,
cambiadda è Posthutorra
non la ricunnosciù più,
“chiddu tempu” è andaddu
e mai più torra.







TRADUZIONE
PORTOTORRES
In te sono nata
le onde del tuo mare mi han cullata,
per vent'anni sei stata casa mia
Portotorres tanto stimata.
Presa dall'andare
sulla strada che per me
aveva designato il Signore
ti ho lasciata
per seguire il mio destino.

Ti avevo chiusa a chiave
in un angolo del mio cuore
insieme ai ricordi della gioventù
ogni tanto mi ritornavi in mente
con rimpianto ,mai in tristezza.

Adesso che sono in pensione,
adesso che sono mamma e nonna,
adesso che sono cosciente che non ho
davanti a me teneri fiori della gioventù,
adesso cerco con dolce malinconia
i petali dei ricordi di bambina,
li prendo dalla mente e me li stringo sul cuore,
ad occhi chiusi, in rinnovato sentimento
sento il profumo del mio tempo
trascorso in te.
Per me sei come eri ai miei tempi,
la via principale asfaltata a cui
convergevano le stradette sterrate
scuola di vita per noi bambini
che giocavamo, litigavamo e facevamo la pace
fino alla sera,
quando le mamme mettevano fuori
il braciere per accendere il fuoco,
con il ventaglio soffiavano sul carbone
e dal “demonio” fuoriuscivano le scintille
e noi accanto, con la faccia arrossata,
guardavamo incantati.

Ricordo la scuola “De Amicis”
per me un monumento
che di aver frequentato mi onoro e vanto.


La chiesa di San Gavino
con le statue dei tre Santi Martiri,
dei Portotorresi la devozione,
tutti alla processione a Balai,
con le donne che per chiedere una forte Grazia
andando sulle ginocchia seguivano
così raccolte che non sentivano dolore.

Il porto animato dai facchini
che scaricavano bagagli dal vapore,
che dire del treno, della stazione,
Ponte Romano, i ruderi di Re Barbaro rio Grande
Il cortile dietro chiesa...e l'atrio Comita?
Quanti manici di scopa mi han tirato dietro
quando, per accorciare la strada
che mi avrebbe portata all'officina di mio padre,
percorrevo più veloce del vento
quello stretto passaggio privato.

Lacrime fermano il fiume dei ricordi
Portotorres non è più questa
quella del mio tempo è andata
e non ritorna più

le foto postate fanno parte della raccolta “ Portotorres sparita”
Quella con la scolaresca è mia...1958..seconda-terza elementare.

Riu Mannu ( portotorrese con traduzione)

Andava
l'isciumma bianca
cumenti
baschi a vera,
in dugna isthasgioni,
da manzaniri a sera.
Accarizzàva
l'ipponda di lu Riu Mannu
da Funtana Veccìa
finz'a Ponti Romanu.
Banziggàvani
li veri,
chena affannu,
i la frascha,
in mezzu a li canni,
undi
addunadi
pariani nuareddi.
Cu l'isciumma,
sugnavani,
giughendi li pitzinni,
intantu
chi li mammi,
ammogliu
finz'a chintu,
lavavani la robba,
cu lu sori e cu lu freddu,
chena lamentu.
All'asthra ipponda
li pischadori,
a lenza a manu
pigliavani lu pèsciu,
chi brincava
ill'eva profumadda
da li macci
di la.chessa
Famiri di pizoni d'eva
nadavani in fira.
La ciarra di la natura
si cunfundia
cu l'abburottu di la ferruvia,
a lu passaggiu
di la littorina.
Non è un sognu
ma,caddena d'armunia.
Cambiaddi so li tempi,
la luna tristha
mali s'ipeccia i lu Riu,
non v'è più la sciumma bianca,
la biddezza di la natura
è ipparidda
sottu a la più civirizzadda
discharrigga
intarradda.

TRADUZIONE
Rio Grande---PORTOTORRES

Si muoveva
la schiuma bianca
come barche a vela,
in ogni stagione,
dal sorgere del sole
fino alla sera.
Accarezzava la sponda
del Rio Grande
da Fontana vecchia
fino a ponte Romano.
Dondolavano le vele
senza affanno,
tra l'erba
e le canne,
dove radunatesi
sembravano nuvole.
I bambini,
giocando con la schiuma
sognavano.
Mentre le mamme
a bagno nel fiume,
fino alla vita
lavavano i panni.,
sia con il sole
che con il freddo
non emettevano
alcun lamento
Sulla sponda opposta
i pescatori
con la lenza in mano
pescavano i pesci
che saltellavano
nell'acqua profumata
dalle piante della macchia mediterranea.
Famiglie di uccelli acquatici
nuotavano in fila, e
tutti i rumori della natura
si confondevano
con quelli della ferrovia
quando passava il trenino.
Non è un sogno
quella era una catena di
vitale armonia.
I tempi sono mutati,
triste la luna
non si riconosce più
nello specchio del fiume,
non c'è più la schiuma bianca.
È sparita la beltà del fiume
sotto la coltre di
una civilizzata

discarica sotterrata.






Gesgiareddi di Barai ( Turritanu)

Sobbr'a una rocca
chi s'azza da lu mari
quattru muri di peddra,
una di bianca facciadda,
e in althu una grozi,
cussì li furistheri
cumprendini
chi sei una gesgiaredda.
Gesgiaredda
di li tre Coipi e Santi
di Barai.
D'ammacchiosu incantu
l'occi e li cori pieni
candu, imprubbisamenti,
appari dall'ondi.
Li fundamenti toi
cuàni grutti
custhodi,tisthimoni
di viriddai e conti tramandaddi.
Sei nadda innant'a
una Prisgioni
infusa di sangu
di Màsthiri Santi,
tusthuraddi e ischabbizzaddi
pà non avè abiuràddu
la Fedi i lu Deu Cristhianu.
Protu, preddi anzianu,
pridigava luVangelu
cun Zuniari diacunu
in Turris a Mont'Angellu,
pà cunvisthì agnoni
a lu pàschuru di Nosthru Signori.
Assusthaddu, pà la criscenti devozioni
a la nova Rerigioni,
l'imperadori Deuclezianu
bandiò pissighimentu
a cà cunvisthuddu a lu Deu Cristhianu.
Pà osdhini di lu Presidi Baibbaru
i li grutti di Barai imprisgiunaddi ,
non soru d'abiurà,
ma in Fedi di santiddai,
aisittavani d'esse ischabbizzaddi.
L'amori pà Deu, in luzi di siriniddai,
diffundiani Protu e Zuniari,
Bainzu, lu susdhaddu guasdhianu
s'inginucciò a chiss'amori Cristhianu
e non più paganu, libarò li prisgiuneri.
La nutizia chi era cundannaddu
a l'ischabbizzamentu
l'ippaglì lu ventu.
Protu e Zuniari presi da tuimmentu
furriaddi soni in un mamentu
a paddì la pena cù lu susdhaddu
a lu Cristhianesimu cunvisthuddu
Li tre cabbi, caggiuddi in mari,
piaddosa unda l'ha trasginaddi
arinendili pogu più luntani.
Tràmandani l'antighi conti,
cari a li Turritani,
chi innant'a la prisgioni
di Gavinu, Protu e Zuniari
fu frabbiggadda la geshiaredda di Barai
e, un di l'onda l'ha puggiaddi,
cun diricadda manu,
la pieddai di la poburu
ha priparaddu la gesgiaredda
di Barai luntanu.

Traduzione CHIESETTE DI BALAI

Sopra una roccia
che si erge dal mare
quattro muri di pietra,
una è la bianca facciata,
con sopra una croce
indica a chi t'ignora
che sei una chiesetta.
Chiesetta dei “tre Corpi dei Santi”
di Balai.
Di fascinoso incanto
colmi lo sguardo e i cuori
quando, all'improvviso,
dalle onde appari.
Il tuo basamento
nasconde delle grotte
testimoni e custodi
di racconti e verità tramandate.
Sei sorta sopra
una prigione
da sangue irrorata
dei Santi Martiri,
torturati e decapitati,
per non aver abiurato
di Dio, la Fede Cristiana.
Proto, sacerdote anziano,
predicava il Vangelo,
insieme al diacono Gianuario,
nella città di Turris
sul monte Angellum,
per convertire agnelli
ai pascoli erbosi del Signore.
Preoccupato
per la crescente devozione
verso la Nuova Religione,
l'Imperatore Diocleziano
editò un bando di persecuzione
per chi convertito al Cristianesimo.
Per ordine del suo rappresentante
di nome “Barbaro”,
furono arrestati e nelle grotte di Balai
imprigionati.
Essi non solo di abiurare
ma, in Fede di Santità, attendevano
d'esser decapitati.
L'Amore per Dio ,
come raggio di serenità
si effondeva da Proto e Gianuario.
Gavino, il soldato guardiano
s'inginocchiò a quel lume d'Amor Cristiano,
e abiurando gli Dei pagani
liberò i prigionieri.
La notizia della sua condanna
alla decapitazione,
in un momento,
la diffuse il vento.
Proto e Gianuario colti da tormento
ritornarono sui loro passi
per condividere la pena con il soldato
che al Cristianesimo avevano convertito.
Le tre teste caddero nel mare,
un'onda pietosa le trascinò
verso un arenile poco più lontano
Secondo detti tramandati dagli anziani,
e tanto amati dai Turritani,
dicono che sopra la prigione
di Gavino, Proto e Gianuario
fu eretta la chiesetta di Balai
e, dove l'onda ha arenato le teste
con delicata mano,
la pietà della popolazione
ha eretto la chiesetta di Balai lontano.




Nessun commento: