La fantasia e il tempo viaggiano insieme mescolando i colori

BENVENUTI NEL MIO BLOG...il mio diario di viaggio tra fantasia e realtà. Se passate lasciate un commento..mi farete cosa gradita Mariantonietta

Visualizzazioni totali

se ti piacciono i miei "appunti di viaggio" iscriviti tra i miei lettori fissi.....mi farà piacere.

Poesie in vernacolo: gallurese con traduzione


Puisia in “gadduresu-cuzinesu”
Lummi di nia

Drommi lu me' steddu!
fora
fiocca la nia,
silèna
che pètali di rosa
carizzati
da elmosu 'entareddu,
ill'aria banziga
trimmulosa,
dapoi
stracca
pàsiga
pà carraggià di biancu
dugna cosa .
Drommi la nia
subr'a li casi
cù li 'itri gilati
annibiati
da tèbbiu alenu
d'occi spantati
da chidd'incantu.
Fiocca la nia
i la notti funda,
a lummi
d'infrittulita luna,
briddani dilicati randi
di cristaddi ghiacciati
subr'a l'alburi
'istuti a sposa
E
fiocca,
fiocca la nia
ch'ali di mariposa
pal te canta la ninnia.
“sssssssssss
drommi lu me steddu!
Silenziu
abali
si sunniggia!”
.









Traduzione
Bagliori di neve.

Dormi bimbo mio!
fuori
fiocca la neve
lenta
come petali di rosa,
accarezzati
da leggiadro venticello,
nell'aria oscilla
esitante,
poi
stanca
si posa
per coprire di bianco
ogni cosa.
Dorme la neve
sopra le case
con il gelo dei vetri
segnato
dal respiro tiepido
di sguardi ammaliati
da quell'incanto.
Fiocca la neve,
nella notte fonda,
al lume
d'una infreddolita luna,
brillano delicati merletti
di cristalli di ghiaccio
sugli alberi
vestiti da sposa
E .
fiocca,
fiocca la neve
come ali di farfalla
ti canta la ninna,nanna
“sssssssssssss
dormi bimbo mio!
Silenzio
adesso
si sogna!”








Lu dì nou
Lummi che trèmmula mariposa s'acciara,
da l'ultima tratta avvista undi lu buggiu
cù la tarra e lu mari stazini cara a cara,
a l'occi spantati pà maraiglia di miràggiu

Cun cori slalgatu da signu di 'ita pregnu
ch'è sciarendi lu zelu d'umbri, spiriggiu
salutà la luna e li stelli di chissu regnu
pintà rosi che gialdinu fiuritu a Maggiu

E' un'alta dì noa chi 'eni a lu mundu
girendi ancora la rota di lu tempu
chi mai arreggi lu sò andà in tundu
nè mustrà fini, che puzzu chena fundu

Campani a bozi altina di lummi in bagliori,
pà la 'ita nata da l'alenu di Deu, pregani
chena prisunzioni di stà contru o a faori
di lu fulbu mazzoni o lu dèbbuli agnoni

Non scurri la 'ita silena che riu i lu sò lettu
i li campi lu pani nò abbunda pà ugna culori
sighendi valori falzi, di Deu non v'ha rispettu,
lu zelu nò è più risciaratu da brani in fiori

Cunvinta ch'arà a vinì la cussenzia, i lu tempu,
di stà fiddolu di Lu Tuttu e d'esse nienti,
chi nant'a li sulchi nò arà a sprindulà sangu
di lagrimi di frateddi misari pà alti impunenti

Pal noi, garrucciu di filu cultu è lu tempu
undi la fini arrea cù la trista missadora
ingraugliati in sulchi d'alligria e tulmentu
idda ni missa la radiza mala che la bona

E, li campani pà lummi di la dì noa a bozi altina,
scurrend' indiffarenti l'ori arrea la calata di lu soli
elmosa luna, inghiriata di stelli, si pesa a sirintina...
Ma canti luni e soli primma ch'arrea di pazi l' albori?











Il nuovo giorno
Un lume come tremula farfalla appare,
dall'ultima impronta che si vede dove il buio
con la terra e il mare stanno guancia a guancia,
allo sguardo sorpreso in meraviglia di sogno

Con il cuore dilatato da quel segno pregno di vita
che sta schiarendo il cielo ammantato di ombre, osservo
salutare la luna e le stelle di quel regno
dipingere rose come giardino fiorito a Maggio.

E' un nuovo giorno che viene al mondo
dando un altro giro alla ruota del tempo
che non ha sosta nel suo girare
e non si vede la fine, come un pozzo senza fondo.

Squilli di campana di luce fulgente
per la vita nata dal fiato di Dio, pregano
privi di presunzione di condannare o favorire
sia la furba volpe che il debole agnello.

La vita non scorre serena come il fiume nel suo letto
nei campi non abbonda il grano per sfamare l'umanità
seguendo falsi valori di Dio non si ha rispetto
il cielo non è più sereno come in fiorite Primavere.

Convinta che l'uomo, nel tempo, prenderà coscienza
D'esser figlio di Dio e d'esser niente,
che sopra i solchi non pioveranno gocce di sangue
di lacrime di fratelli in miseria per altri che si impongono.

Per noi il tempo è breve come il filo di un rocchetto
dove la sua fine è segnata dalla morte che arriva
mentre aggrovigliati in confusi solchi di allegria e tormenti
ella falcia la radice cattiva come quella buona.

E, le campane squillano alla luce del nuovo giorno,
scorrendo ignave le ore arriva il tramonto,
leggera la luna, attorniata dalle stelle, si eleva alla sera...
Ma quante lune e soli prima che arrivi l'alba della pace?



L     

 Lu zegu


Un vecciu, tinèndisi a un bàcculu, ingrisputu che iddu , s'arrisetta accultu a un ponti di lignu c'auni li bandi d'un riu, p'allinassi un mamentu.

E' un friscu manzanili di statiali. L'ommu ha la cara silena, allinàta da la passizata ill'argini in mezu a l'odori folti di li macci e da la pazi c'ammanta chissu bìcculu di la natura.
Un ventu, sulendi lizeri, si polta da fattu l'allegra ciarra di femmini, risareddi di cioani e steddi.
Da un cammineddu strintu da muru a siccu, diffatti, che trumma d'agnoni, arrea lu trostu di li laadori.
Lu fiottu capulendi da la pitiracca, passa sutt'a lu ponti, s'arreggi in d'unu spiazzu undi li teggi, passendi da mamma a fiddola, li sò ambàrendi.
Calche mamma c'ha la criatura in brazzu, tustata la colbula cù la roba brutta da nant'a lu cabu, svaga li panni i la petraredda ill'azz' a lu riu. Assintata in drentu una mantaredda, polta la colbula all'umbra d'un maccioni di chessa pa' culcà la criatura a lu friscu beddu, poi d'ailli datu a suggì lu latti.
Li cioani, intantu chi zilcani la ligna minuta pa' abbruncà lu fogu e la più grossa pa' fà fiamma manna, s'incurrini schilzendi a pedi nudi in mezu a l'alba.
Li femmini più manni, azzendini lu fogu i lu spiazzu, undi da tempu è priparatu un sustegnu di petra pà puggià lu caldaroni e scaldì l'ea p'ammuddigà la bugata.
A l'alta banda di lu riu, una cioana pusata nant'a un monti ha in manu una taula und' ha appruntàti muntiggeddi di culori. Cù un pinzellu l'ammiscia pà dà colpi dilicati nant'a una tela bianca und'è pintendi li pappai rui c'allummani lu 'eldi di l'alba tènnara, i la piana accultu a lu riu.
Lu vecciu, una volta pasatu, s' avvia zuppighendi nant'a lu ponti. Rimundina, cussì è ciammata la stedda ch'è pintendi, videndilu in difficultai s'accultiggia – eti bisognu d'aggiutu?- dummanda cun galbu, stirrendi lu bràzzu pà sustegnu.
- grazi bonfiddola!!- rispundi l'ommu cun bozi silena, d'anzianu assapiutu – eu sogu zegu ma vigu più bè di c' ha occi pà vidè -
La stedda incuriusita – scuseti, bonommu! ma cument'è chi viditi meddu di chi po' vidè avveru??-
Lu vecciu, cuntentu d'esse calculatu: – fiddola cara, eu figgiulu tuttu lu ghi m'ingiriggia... cù li sintimenti!-
- Non cumprendu ..Spiagheddivi meddu!-
L'anzianu: - fiddola cara, t'araggiu a fà conti. Eu nò aggiu vistu mai la folma di lu soli ma, lu sò calori mi slalga lu cori di folti sintimenti d'amori. M'ammenta l'amori di mamma, di l'amighi chi non vi sò più, l'amori di la mè femmina. Chistu sintimentu m'è di cunsolu puru da chi lu soli si cala
Rimunda è incantata da la faiddata di lu vecciu:
-ditimi, ditimi ancora- lu prega
- Tandu t'araggiu a fà un altu contu. Avali, pà esèmpiu, noi semmu nant'a un ponti di lignu, sutta scurri lu riu silenu. Accultu pianti e animali vìini cumenti Deu l'ha criati, rispittosi di lu Sò oldini. L'occi mei sò spinti ma l'amminu è attentu a li sintori di la natura chi è un libru abbaltu di ricchesi pa' ca vò imparà. Li soni, l'odori chi muddani a ugna stasgioni, rigalani a lì criaturi lu nizissàriu pa' sustinì la vita chi p'amori Deu ha vulutu. Lu cori meu si slalga d'un sintimentu d'amori chi solu un Babbu Mannu n'ha la simenta. Non sogu più solu, Iddu mi stà accultu, mi cunsola, allevia li mè peni, ed eu bigu a li Sò fonti, mi tecciu di li Sò doni. Siguru è lu mè camminà, mancari ch'i la tarra nò aggia più nisciunu e l'occi mei sò spinti.
Rimundina asculta silinziosa, tulbata, vò sapè di più. Lu vecciu cumprendi e cuntinua a faiddà chena prigallu: – Primma, aggiu intesu lu riu chi, viscendi da la muntagna, brincàa nant'a li rocchi, cuntentu di currì a lu lettu di la mamma, pà strignissi a idda, che criatura appena nata. Cosa vi po' stà di più beddu di lu sintimentu di nascì, di rispirà, di suggì lu latti di la mamma, d'esse fiddolu, fruttu di pegnu d'amori?- Silinziosu, nò ambara risposta.
Lu soli cumenza a scaldì. L'ommu, siguru d'aè dittu abbastanza, appronta lu pedi pà pidà la sò via ma Rimundina ha in cabu middi curiositai. Scusendisi pa' l'infadu, poni un'ultima dummanda chi s'è acciarata da lu cori.
- Diti di me!!-
Iddu ambara silinziosu, poi pàsigu – la curiusitai è femmina...e tu sei una femmina curiosa e attenta. Prufummi di ciuintura e alligria, li tò sonni sò culurati e sunnìggi puru a occi abalti-.
Rimundina è spantata. Lu zegu vidi meddu i lu sò cori che idda lu ghi traspari da li panni bianchi stesi a lu soli. L'ommu si volta da la palti di lu riu undi li laatori attèndini a la bugata:
- sei più fultunata di chisti femmini! iddi ani li mani sulcati da lu campu, da l'ea di lu riu, da li sacrifizi pa' campà. Parò, mancari tu sia nata signora, sei di boncori, umili e ginirosa. T'aggiu cunnota candu m'hai allungatu lu bràzzu... sogu strangnu, anzianu, vistutu che chiritaggiu eppuru ti sei lampadda p'aggiutammi- s'arreggi un mamentu pinsamintosu, poi cun bozi tulbata:
- Li tò pili sò beddi, falani da lu cabu longhi e isciolti. Lu ventu li polta nant'a li tò spaddi che velu di sposa e a me arrea lu prufummu che unda marina. Sei innammurata, palchì, in chistu tamantu paradisu und'abbundani culori, tu hai pintadu solu li papai rui di passioni.-
Rimundina maraigliata:- non vi sò parauli pà la vostra saittài – Poi di pogu
- eu mi dummandu e digu, ma cument'è chi voi intindetti puru lu muimentu di li pili e distinghiti li culori? Non cumprendu
- me fiddola! Sogu zegu ma attentu cun tutti li sensi.- ammenta silenu lu vecciu.
- Li culori prufummani che ugna cosa; lu veldi, pal me, è lu sintimentu chi odora di spiranzia. Asculta abeddu! l'alburi chi di arru pariani molti a Primmaèra torrani a bugà foddi veldi e poi fiori e frutti; lu pasculu s'ammanta d'alba e trummi d'animali si tecciani spaldendi l'odori ill'aria chi arreani a lu mè cori insembi a li vessi di li catteddi appena nati. Tuttu prufumma di rinnuata vita. Ma avali piddemmu lu biancu. Lu biancu, pal me, è la luzi ch'allumma lu camminu dill'ammina chi torra a Deu, lu nieddu è lu dulori di c'ambara. Pa' cambià cuntrastu, lu grogu è lu trigu maturu chi prufumma di pani caldu. Cù un suspiru, lu veggiu s'arreggi e poi:
- Fiddola cara, sogu faiddendi, faiddendi ma tu voi sapè di lu culori chi ti tocca lu cori, lu ruiu, lu culori chi prufumma d'amori.
L'amori di dui innamurati è cumenti una miludia chi nasci silena che lu soli tebiu a Primmaèra, poi cresci, li noti si pesani ill'aria inzindendi li cori di passioni che lu soli di stadiali cù lu pappau in fiori -. Rimundina avviluta: - Eu aggiu l'occi pà vidè ma sogu zega! Non aggiu mai pruatu sintimenti cussì folti. Eu vularìa imparà a vidè lu mundu che voi, cù li sintimenti. Non sogu più sigura mancu di lu mè cori!-
-Stedda mea, poi imparà e a la sola. Ciudì l'occi, smintiga lu chi cunnosci e asculta lu cori!
Dittu chistu, puggendisi a lu bàcculu, torra a lu sò andà.
Rimundina, stracca pa' l'emozioni pruati, si sposta i lu spiazzu di li pappai rui pà stindissi e ripusà lu cabu in cunfusioni. Ciusi l'occi li pari di vidè un'umbra accultiassi. Lu ricunnosci è Giuanni, l'ommu soiu, chi ridendi li fà di manu da subbra lu ponti. Chissu risu prufumma di rumasinu, di maccioni, d'alba, di fiori, di panni bianchi stesi, di steddi giughendi, di criaturi suggenti, di luna, di stelli, di soli e di mari. Tuttu lu chi Deu ha criatu, che fiamma noa, l'allumma lu cori di noi sintimenti. Non l'aia mai pruati cussì abeddu. Lagrimi di cuntintesia sbrinduleggiani dall'occi, chi teni ciusi pà non paldì chiss'incantu di sonnìu.. I l'occi di Giuanni, azurri e prufundi che mari, idda si spiccia ed è una stella d'oru, la luna di pratta la ninna, parauli d'amori l'arreani a l'aricci e sò suspiri chena bozi. Cu lu rispiru l'accarezza ed è l'emozioni di lu riu chi s'acciobba cù lu mari in cunfusioni di dulzi e salinu. Sò sintimenti e disizi noi c'arrreani bulendi cun furria di maistrali
Dui brazzi la strignini. Rimundina s' iscidda da chissu incantu. L'abbrazzu è veru, lu cunnosci è la strinta di Giuanni, puru lu rispiru chi l'accareza muendili li pili è lu sòiu.
-Sogu sunnìendi, l'amori meu è in cuntinenti pa' fà lu militari!- pensa abbàddinata e cunfusa
– isciuddati brenda mea!lu pappau t'ha incantata?- la bozi è la sòia, cussì li labbri chi zilcani li sòi. Ancora incredula abri l'occi e lu vidi e pari chi sia la primma volta....
Da la pitaracca arrea lu trostu straccu di lu gruppu di li laadori chi torra a casa cù li panni chi prufummani di spigula aresta, Lu soli ch'è calendi arruia la fozi undi lu riu, spagliendisi che rammi d'alburi in disizu di fiurimentu, s'acciubba cù lu mari.
La zirighelta



TRADUZIONE
Il cieco
Un vecchio, sostenendosi ad un bastone, raggrinzito come lui, si ferma accanto ad un ponte di legno che unisce le due sponde di un fiume, per riposare un attimo.
E' un fresco mattino d'Estate.
L'uomo ha il viso sereno, rilassato dalla passeggiata sull'argine del fiume tra i profumi intensi della macchia mediterranea e della pace che, come un mantello, protegge quell'angolo della natura.
Un leggero soffio di vento trascina con sé un allegro chiacchiericcio di donne, risatine di giovani e bambini. Da una stradina stretta tra muri a secco, infatti, si sentono i passi delle lavandaie che arrivano come un gregge di pecore. Il gruppo, spuntando dalla stradina, passa sotto il ponte per fermarsi in uno spiazzo dove le pietre piatte per lavare i panni, passate da madre in figlia, le attendono. Qualche mamma con in braccio l'ultimo nato, tolta da sopra la testa la cesta con la roba sporca, la svuota adagiando i panni sul pietrisco in riva al fiume. Sistemata dentro la cesta una copertina la porta all'ombra di un arbusto di lentisco per addormentare il piccolino al riparo dal sole, dopo averlo allattato. Intanto, le più giovani, che hanno il compito di raccogliere gli sterpi per accendere il fuoco e i ciocchi di legna spessa per alimentare la fiamma, scherzano rincorrendosi scalzi sull'erba. Le più anziane accendono il fuoco nello spiazzo dove, da tempo, con i sassi è stato costruito un sostegno per poggiare il calderone per scaldare l'acqua e ammorbidire lo sporco dei panni. Sull'altra sponda del fiume, una giovane, seduta sopra un sasso, tiene tra le mani una tavola dove ha preparato montagnette di colori. Con un pennello li mischia per dare delicate pennellate sopra una tela bianca dove dipinge i papaveri rossi che splendono tra il verde dell'erba tenera, in uno spiazzo accanto al fiume. Il vecchio, dopo essersi riposato, sale zoppicando sul ponte. Raimondina, così si chiama la ragazza che sta dipingendo, vede il vecchio in difficoltà e gli si avvicina: - Avete bisogno di aiuto?- chiede, con garbo, tendendogli il braccio.
- Grazie, figliola!- risponde l'uomo con un tono di voce serena, da saggio anziano : - io sono cieco ma vedo meglio di chi ha occhi per vedere!-
La ragazza incuriosita: - scusate brav'uomo! Ma com'è che voi vedete meglio di chi ha la vista?-
Il vecchio contento per l'attenzione della giovane: - Figlia cara! io guardo, tutto ciò che mi sta attorno, con i sentimenti.
- Non capisco, spiegatevi meglio!-
L'anziano:- Figliola, ti racconterò qualcosa. Io non ho mai visto la forma del sole ma il suo calore mi dilata il cuore di forti sentimenti d'amore. Mi ricorda l'amore della mia mamma, degli amici che non ci sono più, l'amore di mia moglie. Questi sentimenti mi consolano anche dopo il calar del sole.
Raimondina è colpita dalle parole del vecchio:- Raccontate, raccontate ancora!- lo invita
- Ragazza mia te ne racconto un'altra. Adesso noi ci troviamo sopra un ponte di legno, sotto scorre tranquillo il fiume. Accanto piante, animali, vivono così come Dio li ha creati, rispettosi del Suo ordine naturale. Gli occhi miei sono spenti ma lo Spirito è attento nel percepire le sensazioni della natura che è un libro aperto, ricco di conoscenze per chi ha voglia di apprendere.
I suoni, gli odori che mutano ad ogni stagione, donano alle Creature tutto ciò che occorre per onorare la vita che Dio stesso ha voluto. Il mio cuore vede e si dilata di un sentimento d'amore che solo Dio Padre sa far nascere. Non mi sento più solo. Egli mi sta accanto, mi consola, allevia le mie pene ed io mi disseto alle sue fonti, mi nutro dei suoi frutti. Sulla mia strada vado sicuro anche se sono solo e i miei occhi sono spenti. Raimondina ascolta silenziosa ed emozionata, ma non è ancora soddisfatta. Il vecchio sembra capire, infatti, prosegue senza che lei lo chieda:- Vedi figlia mia, prima che arrivassi qui ho ascoltato il fiume che, sgorgando dalla montagna , saltellava sopra le rocce, felice di correre nel letto della mamma, per stringersi a lei, come bimbo appena partorito. Che può esserci di più bello del sentimento di nascere, di respirare, di succhiare il latte dal seno materno, d'esser figlio, frutto di una promessa d'amore?- Tace, non attende alcuna risposta.
Il sole comincia a picchiare. L'uomo sicuro di aver detto abbastanza accenna ad andar via ma Raimondina desidera sapere ancora, ha in testa mille curiosità. Scusandosi per il disturbo gli rivolge
un'ultima richiesta che le è sgorgata dal cuore: - Dite, dite di me!-
L'uomo rimane per qualche secondo silenzioso, dopo tranquillo:- la curiosità è donna e tu sei una donna curiosa e attenta. Profumi di gioventù e allegria, i tuoi sogni son colorati e sogni anche ad occhi aperti. Raimondina è meravigliata. Il vecchio vede nel suo cuore meglio di lei che guarda dalla trasparenza dei panni bianchi stesi al sole. L'uomo voltandosi dalla parte del fiume dove le lavandaie attendono al bucato: - Sei più fortunata di queste donne che hanno le mani solcate dal lavoro nei campi, dall'acqua del fiume, dai sacrifici per vivere. Però, nonostante tu sia nata benestante sei di buon cuore, umile e generosa. L'ho capito quando mi hai teso il braccio...sono un estraneo,anziano, vesto come un mendicante, eppure sei venuta incontro per aiutarmi. Tace un attimo pensieroso, dopo con voce emozionata:- I tuoi capelli sono lunghi, slegati e il vento li posa sulle tue spalle come un velo da sposa, a me arriva il loro profumo come onde marine. Sei innamorata perchè, in questo meraviglioso paradiso dove abbondano i colori, tu hai dipinto solo papaveri rossi come la passione. Raimondina meravigliata: - La vostra saggezza mi lascia senza parole- poco dopo: -ma come è che voi cogliette il movimento dei capelli e distinguete il profumo dei colori? Non capisco! - Mia cara figliola! Sono cieco ma attento con tutti gli altri sensi.- ricorda serenamente l'anziano. -I colori odorano come tutte le cose. Il verde, secondo me, ha il profumo della speranza. Ascolta bene! gli alberi che d'inverno sembravano morti a Primavera si riempiono di nuove foglie, fiori e frutti; il pascolo si ricopre d'erba e mandrie di animali si nutrono spandendo nell'aria l'odore dell'erba che arriva fino al mio cuore insieme ai versi dei cuccioli appena nati. Tutto profuma di rinnovata vita.
Il bianco per me, è la luce che illumina la via dell'anima che ritorna a Dio, il nero è il dolore di chi rimane. Per cambiare discorso, il giallo è il grano maturo che profuma di pane caldo-. Il vecchio dopo un sospiro di pausa: - figlia cara io parlo, parlo ma tu vorresti sapere del colore che ti sta a cuore, il rosso, il colore che profuma d'amore. L'amore di due innamorati è come una melodia che nasce serena come il sole tiepido a Primavera, poi va in un crescendo, le note sollevandosi nell'aria accendono i cuori di passione come fa il sole d'estate con i papaveri-. Raimondina avvilita: - Io ho gli occhi per vedere e sono cieca! Non ho mai provato sentimenti così forti, vorrei imparare e osservare il mondo con i sentimenti come voi. Io non sono più sicura nemmeno del mio cuore!-.
- Ragazza mia, puoi imparare ed anche da sola. Chiudi gli occhi, scorda quel che conosci e ascolta il cuore! - Detto questo, poggiandosi al bastone, il vecchio riprende il suo andare. Raimondina stanca per le emozioni vissute si sposta sullo spiazzo tra i papaveri, per riposare un po' e riordinare la confusione nella testa. Chiusi gli occhi ha la percezione di un' ombra che le si avvicina. E' Giovanni, il fidanzato, che sorridendo la saluta, da sopra il ponte, con la mano. Quel sorriso profuma di rosmarino, di macchia mediterranea, di erba, di fiori, di panni bianchi stesi, di bambini che giocano, di neonati che succhiano il latte materno, di luna, di stelle, di sole e di mare. Tutto quel che Dio ha creato, con una nuova luce, le accende il cuore di rinnovati sentimenti. Non li aveva mai provati così intensi. Lacrime di gioia, come gocce di pioggia, scendono dagli occhi che continua a tenere chiusi per non svegliarsi dall'incantesimo. Si specchia negli occhi di Giovanni, azzurri e profondi come il mare, si vede come una stella d'oro, la luna d'argento la culla, parole d'amore arrivano alle sue orecchie, sono sospiri senza voce. Il respiro del suo amore l'accarezza ed è l'emozione del fiume che si unisce con il mare, in confusione di dolce e salato. Sono sentimenti, desideri nuovi che arrivano come furia di maestrale. Due braccia la stringono. Raimondina si sveglia dal sogno. Quell'abbraccio è vero, lo riconosce, così l'abbraccia Giovanni, ma anche il respiro che, accarezzandola muove i capelli è il suo.- Sto sognando, il mio amore è sul continente per prestare il servizio militare!- pensa stordita e confusa.
- Svegliati tesoro mio, il papavero ti ha tramortita?- La voce è di lui, come le labbra che cercano le sue. Ancora incredula solleva le palpebre, lo vede ed è come se fosse la prima volta.
Dalla stradina chiusa tra due muri a secco arriva il rumore del passo stanco del gruppo delle lavandaie che rientra a casa con i panni asciugati che profumano di lavanda selvatica. Il sole che sta tramontando arrossa la foce, dove il fiume dilatandosi come rami d'albero in desio di fioritura si unisce con il mare.


























































La teggia di lu riu

In d'un pòiu di riu
è mè disizu abbà
li sulchi di l'àmina
brammìti di friscura.
Pusata nant'a 'na teggia,
ad occi ciusi, mi paldu
i la mimmòria di la mè ciuintura
Sprìnduli di stelli d'oru
bulàani, ill'aria tèbbia, a sirintina.
Prufummàa di pani caldu
lu granu assuliatu,
e lu 'entu giughendi cù li fiori,
di chiss'odori mi pianàa lu cori
La luna scurrendi lu soli
briddàa a cara piena
imprattèndi lu riu cù lu sò splendori.
Pinzellu Divinu pintàa
trìmini d'umbri
di maccioni, di frundi,
e d'animali appagati.
Almunia di soni e culori
cantàa la natura
accultu a lu riu!
Avali
tuttu è muttatu!
Da nant'a la teggia,
non viliggia più la sciumma bianca
di sudori di campagna,
l'ea scurri grigia e in tristura.
La frina a sirintina
làgrimmi di melma umana
sprinduleggia
nant'a la mimmoria
di la mè ciuintura







Traduzione
La pietra piatta del fiume

In una pozza del fiume
desidero dissetare
i solchi della mia anima
bramosi di frescura.
Seduta sopra una pietra piatta ( usata dalle lavandaie)
ad occhi chiusi mi abbandono
ai ricordi della mia gioventù.
Gocce di stelle d'oro
volavano nell'aria tiepida della sera ( le lucciole)
profumava di pane caldo
il grano assolato
e il vento, giocando con i fiori,
di quei profumi riempiva il mio cuore.
La luna, spostando il sole,
lucente, a pieno viso,
inargentava il fiume del suo splendore.
Pennello Divino vi dipingeva
tremolio d'ombre
di macchia mediterranea, di fronde
e di animali appagati.
Armonia di suoni e colori
era la natura
vicino al fiume.
Ora
tutto è cambiato.
Da sopra la pietra piatta
non veleggia più la schiuma bianca
del sudore della campagna,
scorre l'acqua grigia e triste.
La brina, alla sera,
lacrime di fango umano
piove
sui ricordi
della mia gioventù.



Puisia in “cuzinesu” cun traduzioni

Lummi di nia

fala la nia
lizera
che rosa sfiurìendi
banzicata da 'entu silenu.
Da manzanili
a sirintina
lena,lena
incappa tuttu
cun manteddi
di cristaddi priziosi.
Diamanti fritti,
che cori spinti
d'amori palduti,
pindini dall'alburi
Lu fanari allumma
ghirlandi
di gilati randi,
di pogu stentu,
innant'a li 'idri
undi
lu rispiru
di occi incantati
pidda folma
d'emozioni
di sintimenti
chi tremmani
innant'a la peddi,
i lu cori

Luce di neve
Cade
leggera la neve
come rosa che sfiorisce
cullata dal vento sereno.
Dal primo mattino
fino alla sera
ricopre tutto
con mantelli
di cristalli preziosi.
Diamanti freddi,
come cuori spenti
d'amori perduti,
pendono dagli alberi.
Il fanale illumina
ghirlande
di pizzi di gelo
fragili,
formati sui vetri
dove il respiro
di occhi incantati
prende la forma
delle emozioni
dei sentimenti
che tremano
sulla pelle,
nel cuore.

L'ultima stazioni


Ingiriati
a lu lettu di la pena
li cari sulcati
da rìi
silinziosi
chi scurrini
in affannu di dulori.
Auniti
li mani
li cori
li sintimenti
in abbrazzu
a lu babbu
arriatu
all'ultima stazioni
di tarrena passioni.
Ill'ultimu suspiru,
ill'ultima lagrima
lu salutu,
la binidizioni,
istrumentu
a li sò cari,
a li fiddoli
d'andà adananzi
cù li prinzìpi,
cù l'insignati 'alori
d'un babbu
onestu
riccu d'amori


traduzione
In cerchio
attorno al letto della pietà
i volti solcati
da rivoli
silenziosi
che scorrono
in affannoso dolore.
Unite 
le,mani
i cuori
i sentimenti
in unico abbraccio
al "babbo"
arrivato
all'ultima stazione
della terrena passione.
Nell'ultimo sospiro,
nell'ultima lacrima
il suo saluto
la benedizione
testamento 
per i suoi cari
per i figli
perchè proseguano la strada
seguendo i principi
i valoti
insegnati
 da un padre onesto
ricco d'amore
















Lu ciarabaldu malca colpi

Cument'è andendi lu nostru mundu?
“a cab'ingiò” mi pari d'intindì l'ansiani
lu ciarabaldu malca colpi e affanni
i la balca, pà buliati 'enti, in affundu,
Non v'ha spiranza innant'a lu dumani
si a rasgiunà è l'animu fattu immundu.
L'ommu paldutu ha lummi di rasgioni
cù li mancanzi soi fattu s'ha prisgioni.

D'alenu di 'ita non s'ha più rigualdu
d'ungia bandera ha li sò intaressi
trummi d'animali sbrigliati, furriosi
calpistani tuttu p'arrià a cumandu.
Mìsaritai tarreni, bramiti che beni priziosi,
l'amori d'ungia Deu, da li cori, ani banditu
Falani che foddi d'ottugnu li molti
in nommu d'un Deu ch'inzerra malasolti.

Lu rùiu ch'insuzza lu riu sciaritu di monti
no è alligria di soli ,chi basgendi la rocca
ispiccia ill'ea chissa fiamma chi cori tocca
e allumma d'amori menti nòditi, i li tramonti.
No v'ha 'uluntai d'aggiustu pà la pazi manimunca
no è tempu di gherra cù fusili o cannoni almati.
In d'ungia biccu di mundu, impruisi attintati
di bombi vii, cioani, steddi a la molti sistati.


L'almanacco prevede botte

Come sta andando il nostro mondo?
“alla rovescia” mi par d'udire gli anziani
l'almanacco segna botte e affanni
per la barca che affonda, in vortice di venti
Incerto sarà il domani
se si continuerà a pensare con animo immondo
L'uomo, smarrito il lume della ragione,
con i suoi misfatti si è fatto la prigione

D'alito di vita non ha più rispetto
ognuno tira 'acqua al proprio mulino
gruppi d'animali selvaggi, infuriati
calpestano tutto pur di avere il “dominio”
Ambizioni prive di valori, bramate come preziosità,
l'amore per qualsiasi Dio dal cuor han cancellato
Cadono come foglie d'Autunno, i morti
in nome di un Dio che istiga alla distruzione

Il rosso che sporca il rio che scende limpido dalla montagna
non è la gioia del sole che, baciando la roccia,
riflette nell'acqua quella fiamma che prende il cuore
e illumina le menti incorrotte, al tramonto.
Manca la volontà di sanare la pace a cui hanno tagliato le mani,
non è il tempo delle guerre con fucili e cannoni
in ogni angolo del mondo attentati improvvisi
di bombe umane, giovani, bambini formati per morire








Puisia
'ENTU DI PRIMMAèRA



'Entu di primmaèra
in bolu lizèri,
che mariposa,
isciuta la natura
banzichendila,
in dulzura,
da lu zelu
risciaratu
di radiosu soli
S'ipaltini ill'aria
profummi di 'ita
la Tarra fiurita
sbridda li cori
d'arru tristura.
Da la menti
s'allongani neuli
di pinsamenti nieddi;
rinnuati
in Fidi Divina,
briddàni, a sirintina
accult'a la luna,
sireni
che stelli.


Traduzione
VENTO DI PRIMAVERA



Vento primaverile
in leggero volo
di farfalla
risveglia la Natura
cullandola,
con dolcezza,
dal cielo
schiarito
dai raggi del sole.
Nell'aria si spargono
profumi di vita,
la Terra fiorita
libera i cuori
dall'invernale tristezza.
Dalla mente
svaniscono nuvole
di neri pensieri,
rinnovate,
in Fede Divina
brillano, alla sera
accanto alla luna,
serene
come stelle.










Puisia in gallurese-coghinese con traduzione

Puisia...Lu gaddhuresu è un vantu
Da la ciuintura, in pettu aia
disizu ingrugnitu di rimpientu
di no aè imparatu bè e a tempu
di lu faeddatu di casa la miludia.
Presu a impegnu lu me intentu
ill'anziani aggiu autu lu chi 'ulia
E, ill'attugnu tebiu di lu mè andà,
cull'antighi noti, imparu a cantà.

Lu 'entu pultadori inzesi la fiamma
cun soni, profumi, culori di la natura
undi faedda la sò linga ugnia criatura,
parauli pregni di ricchesa manna,
antica, culurita linga di sàia fattura
nata illi sulchi di lu cori di Mamma.
Da lu più ansianu a lu più isteddu
dugnunu 'anta lu sò priziosu faeddu.

Li sintimenti cantati in cuzinesu,
l'affidu a lu 'entu, ch'è mancu un 'annu,
libara la menti da prisunzioni o ingannu
di umili faeddu, lu me cori s'è inzesu,
rimma ha ingittatu pà puità chen' affannu
di la mè Tarra a c'ha m'asculta pazinziosu.
Si lu puità gadduresu è beddu che incantu
lu cuzinesu, pà sta più minori, è un'ispantu.
traduzione
Da giovane sentivo nel cuore
un desiderio intristito di rimpianto
per non aver appreso bene e nel giusto tempo
a parlare in lingua sarda e coglierne la melodia.
Preso l'impegno d'imparare
negli anziani ho trovato quel che cercavo.
Nel tiepido Autunno del viver mio
con le parole tramandate imparo a poetare.

Il vento che trasporta tutto, accese la fiamma
con i suoni, i colori, i profumi della natura
dove parla la sua lingua ogni creatura
parole intense, ricche di grandi valori
di una lingua antica e saggia
nata sui solchi dell'amore della Terra Mamma ( Sardegna).
Dal più anziano al più piccino
ciascuno parla il sardo natio.




I sentimenti miei poetati in Coghinese
li affido al vento che non è ancora un anno,
con la mente libera dalla presunzione o dall'inganno ( sulla mia preparazione)
di umile linguaggio il mio cuore si è acceso
per suggerire alla mente serene rime e poetare (priva di ansia di sbagliare)
sulla mia Terra, per chi ha la pazienza di ascoltare.
Se lo scrivere in gallurese ti incanta per la sua bellezza
il Coghinese, per essere una sottolingua del gallurese, è meraviglioso.











Poesia
Pinsamenti in libbaltai

Murrunghju di neuli timpistosi,
a primma matinata,
la mè isciutata irraldàni,
non mi daci cori di pisàminni.
Li pinsamenti
i lu sonnu appiccicati,
cumenti criatura
a lu pettu di la mamma,
discansani lu di spiltà
palchì, riali niiddura
non disizani intuppà.
Abbalti l'occhj,
una vigghjulata a lu giornale
dapoi la televisioni,
cumizi e infulmazioni
cumenti maltidati,
passendi pà l'aricchj
lu zalbeddu ti pienani
cun parauli faulagghj
Faeddani di tuttu e di lu cuntrariu
cunfundini la jenti
stemmu attenti!”
cu la scusa chi all'economia
l'à falatu unu raju,
li padroni,
mancari, mangjatu s'àgghjani
pulpa e  lu sustegnu,
beddi sani tenini li denti
e a costi si li sò dendi,
chena ritegnu,
pa cumprissi a manghjà l'ossi
ma avà li so ambarati
solu li nosthri.
Cussì mi socu isciddata
pà figghjulà da lu balconi
lu timpurali:
troni e zìnni in cunfusioni
e poi, poi...
pultatu s'à dugnia bona illusioni.





Traduzione
Pensieri in libertà

Brontolio di tempestose nuvole
di primo mattino
il mio risveglio sconvolgono
non ho voglia di alzarmi.
I pensieri son legati al sonno
come creatura al seno della mamma,
non desiderano svegliarsi
per non sbattere contro il grigior reale.
Aperti gli occhi,
uno sguardo al giornale,
poi la televisione,
comizi e informazione
come martellate,
passando per le orecchie
ti riempiono il cervello
di parole false.
Parlano di tutto e del contrario
confondono il pensiero della gente.
stiamo attenti!”
Con la scusa che “ l'economia”
sia fulminata,
i padroni, nonostante ,
abbiano mangiato la polpa
e l'osso di sostegno,
sani e forti hanno i denti,
e si dan sulle costole botte,
privi di ritegno,
per completare il rosicchiar delle ossa,
solo, che adesso
gli son rimaste le nostre.
Così mi son svegliata
ad osservare il temporale
fuori dal balcone,
tuoni e fulmini in confusione,
e poi, e poi...con se ha portato
ogni positiva illusione..






Cuzinesu cun traduzioni

Assunta a lu celu
Nostra Signora di mezzaustu

Ghjubilu d'armuniosi cori, lu celu à appruntatu
pà l'Assunzioni Tòa, oh Maria, da tarrenu caminu.
Signu d'ùmili silvidora, lu Tò“si”, àii datu,
in viltù d'infaddibbili Fidi, a l'Agnuru Divinu
chi T'annunziàa di stà mamma dill' Unu e Trinu.
In pattu rinobatu, Pa òbara in lu Spiritu Santu,
tra Deu e l'ommini , in signu di Babbu d' amori,
da Te, o Maria, è natu Gesù Cristu lu Redentori!


Commu dugna mamma, ài pruatu i la ita
mamenti d'alligria, altri grei di tulmentu.
La Passioni di Gesù, a lu cori T'à culpita,
Ava in Tronu sei di la S. Trinitai  lu cumplimentu.
Accultu a Deu chè mamma, sposa e suredda
Regina priziosa, dilli stelli di lu filmamentu
tra àgnuri e Santi è lu Tò regnu luminosu i lu celu,
in tripudiu d'incantu, Mamma sei dugna Fiddholu.


Tisurera di lu Divin'amori, focu vemènti
chi brusgia li piccati e dall'ignurànzia libbara
Cù li mani, Gràzi priziosi più di ghjemma effundi
a c'à T'affida la vulintai d'andà pà via sigura.
Lu Tò maternu amori giugna a fiddholi ingrati
chi nadèndi in scuncòldia e piccati, Deu abiura.
Vilgini Assunta sulleviu dona a c'à , indigenti,
inghjnucchjoni , misaricoldìa T'è implurendi!






traduzione
Assunta al cielo.
Nostra Signora di Ferragosto

Giubilo di armoniosi cori in ciel s'è preparato
per l'Assunzione di Maria dalla vita terrena.
Segnale di umile serva, con il Tuo “si”, avevi dato,
in virtù d'infallibile Fede, all'Angelo Divino
che annunciava in Te, la maternità dell'Uno e Trino.
In rinnovato patto, per opera dello Spirito Santo,
tra Dio e l'uomo, come segno di Babbo d'Amore
da Te, Maria, è nato Gesù Cristo , il Redentore.

Come ogni mamma, hai provato nella vita,
momenti gioiosi ma altri tormentosi.
La Passione di Gesù al cuore T'à pugnalata
adesso siedi sul trono della S. Trinità a complemento.
Stai accanto a D io come mamma, sposa e sorella,
Regina preziosa ,tra le stelle del firmamento
tra Angeli e Santi regni luminosa dal cielo
in incantevole d'amor tripudio, sei mamma per ogni figlio.

Custode dell'Amore Divino, fuoco veemente
che brucia i peccati, libera dall'ignoranza
Grazie, preziose più di gemme, effondi
a chi a Te affida la vita per procedere sulla via sicura.
Il Tuo Amore Materno prenda quei figli ingrati
che, nuotando in disaccordo e peccati, l'Amore di Dio abiuran.
Vergine al cielo Assunta, dona sollievo a chi nell'indigenza
inginocchiato ai tuoi piedi, implora misericordia!
















Puisia...Monti Ruju ( con traduzione )

Muntagna da lu tempu sculpìta
che rubinu da lu soli allumata
t'arruj da primma mattinata
di chiss'amori chi t' à diliziàta

T'ispicchj i lu riu Coghinas
undi s'appagghjani l'ea fritta
cù lu buddori di “li caldani,”
ea di sanitài da sempri biniditta.

Cù la tò punta a cara di 'ecchjttu
antichi foli, conti, sicreti e storia
prutegghj i li grutti di la mimoria,
pal chi solu lu entu è lu tò faetu.

Deu, cumenti dill'ansiani conti,
t'à postu, di granittìca fattura,
i li cristi tra Anglona e Gaddhura
a gualdià la Costa di li Tramonti.

D'indrentu lu golfu dill'Asinara ti mùi,
da l'anticu Casteddu Saldu occhjendi,
i La Ciaccia, La Muddizza t'alleni
in chissu mari di friscura nadèndi

Da Codaruina costa, costa andi
pà figghjulà Baia di li Mimosi, Badesi,
all'isola Russ' àrrei, carignosu sfumendi
ti spanti i li tò spiagghj d'oru pintati.

Ugnia paesi chi v'ài accultu
à un ragghju di lu tò calori
mancari sìi 'ecchju e mutu,
monti Ruju, accendi li cori.
Da Viddaeccia, Cuzina
in dugnia stazzu e frazioni
di tutta la Bassa Vaddi vantu,
sei di biddèsa naturali, splindori..



traduzione
Monti Ruju

Montagna dal tempo scolpita
t'infiamma il sole come rubino
ti fa rosso già di primo mattino
la luce del divino, chè in te si è deliziato.

Ti specchi nel fiume Coghinas
dove s'accoppiano l'acqua fredda
con l'acqua calda di “ li caldani”
acqua di salute da sempre benedetta.

Con la tua cima a volto di vecchietto
antiche favole, racconti, segreti e storia
proteggi nelle grotte della tua memoria
perchè parli solo con il vento.

Dio, come raccontano gli anziani,
ti ha forgiato nel granito e sistemato
sulle cime delle montagne tra l'Anglona e la Gallura
guardiano della Costa dei Tramonti.

Dall'interno del Golfo dell'Asinara , inizi
dall'antico Castelsardo guardando,
a La Ciaccia, La Muddizza un po' riposi
in quel mare ti rinfreschi nuotando.

Da Codaruina,costeggiando , vai
per tener d'occhio Baia delle Mimose e Badesi
all'isola Rossa arrivi, carezzevolmente sfumando
ti vanti delle tue spiagge d'oro dipinte.

Ogni paese che ti sta accanto
ha un raggio del tuo calore
nonostante tu sia vecchio e silente,
Monti Ruju infiammi il cuore.
Viddalba a Santa Maria Coghinas
in ogni stazzo e frazione
tutta la Bassa Valle si vanta
della tua bellezza naturale, del tuo splendore











CLEOPATRA






A questa poesia è stato assegnato IL PRIMO PREMIO poesia in verso sciolto a SU CUNCURSU DE POESIA IN LIMBA SARDA dedicadu a sas popolazione  colpias dae s'alluvione de su 2013.
Concorso indetto dall'Associazione AUSER di Budoni.



8 ago 2014

Puisia : Cleopatra in Gaddhura ( con traduzione)

Un carrulu impiriosu
da neuli nieddi trainatu,
chena rigaldu d' avvisu,
E ' arriatu da impitu Marinu.
Cu' attèdiu sbriddàtu,
accoldu parìa adimpìendi,
cù li pegghju radici di dimoni
chi, in cuntrari enti ghirrendi,
pisatu aiani ruinòsu bulioni.
Cleopatra era carrulanti,
regina d'immoraliddai
a capinnanzi, triunfanti,
l'occhj era, di la calamiddai
Pà sò cumandu, l'undi marini
s'accàbbaddàani in cunfusioni,
da lu celu bombi d'ea  falàani,
in un mari di fangu. Era l'alluvioni!
“Agghjùtetici Deu meu!”
la Saldigna era inghjnucchjoni,
Pari arriatu lu sfinimundu ,
a Babbu Mannu, sbrauli di disispirazioni.
L'ea, i la sò furria, à trasginati
casi carreli, ponti, cultivazioni
Campani a toccu d'attittu, in tristura
pà li molti di la Gaddhura.
La disvintura  àia presu la poara  ghjenti,
chi campàa di lu trabaddu e puru di nienti.
A gghjuti sò arriati pure da Cuntinenti
ma la ghjenti salda no era felma ambarendi.
Abbalta una catena di bona vuluntai
Mustra, a tuttu lu mundu, la Salda Dignitai.





traduzione: poesia

Cleopatra in Gallura.

Un carro imperiale
trascinato da nuvole nere
scorrettamente, senza preavviso
dall'impetuoso mare era arrivato.
Con rabbia, a briglie sciolte
sembrava adempiere ad un impegno
preso con i peggiori demoni malnati,
che scornandosi tra di loro
a colpi di venti contrari
avevano sollevato un vortice rovinoso.
Cleopatra, Regina dell'immoralità
guidava il carro,
trionfante avanzava davanti a tutti;
era l'occhio della calamità.
Al suo ordine, le onde marine
si accavallavano in confusione,
dal cielo cadevano bombe d'acqua;
era un mare di fango, un'alluvione.
“ Aiutaci , Dio mio !!”
La Sardegna era in ginocchio,
sembrava arrivata la fine del mondo,
le grida di disperazione
salivano al cielo, dal Padre Nostro.
La furia dell'acqua trascinava
case, strade, ponti, colture.
Le campane suonavano il tocco del pianto
di tristezza per le vittime della Gallura.
La disgrazia aveva colpito la povera gente
che vive del lavoro e spesso di niente.
Arrivavano aiuti anche dal Continente
ma il popolo Sardo non rimase fermo ad aspettare.
Aperta una catena umana di volontari
ha mostrato , a tutto il mondo, la Sarda dignità.

Lu cantu silenu

Un fiottu di peguri
in d'un muntigghju pascìa
pà la vaddi sirena
la sò muìta s'ippaltìa
Soni di campaneddi
in cilca di pastura,
Beulà d'agnuneddi
cu La Mamma in Dulzura;
l'abbagghj di lu cani gualdianu
vigghjulendi la cultera.
Nantu a un monti ficutu,
lu pastori, cun la truvedda
sunàa, banzicarendi a 'entu,
un sonu anticu chi faedda
cun fili d'alba, pà istrumentu.
Ansianu, l'occhj palduti
ill'istoria di lu tempu,
illu sapè di la sò menti,
di fatti e conti tramandati
a parauli, dall'antiga ghjenti
iddu, sona chena cantà.
Lu 'entu, che messu, li pultàa
a c'h'à aricchj fini p'ascultà
La so cara, dall' istasgioni sulcata,
cù li chiggi crispi, mugghjati,
la trai di lu nasu, li tivi,
li massiddai folti e pussenti
cumenti mascara di diviniddai
i lu lignu intagliaddi e pinti.
Chissa visioni, cussì pregna di soni,
allùmmina li cori dill'amanti
di la Tarra Salda e di li saldi 'alori



















TRADUZIONE

Il canto silente.

Un gruppo di pecore pascolava
su un lato della collina,
nella serena vallata
il rumore si diffondeva.
Movimento di campanelle
in cerca di nutrimento,
degli agnellini il belato
in tenerezze con la mamma,
del cane guardiano il latrato
proteggeva la collina.
Seduto sopra un sasso,
il pastore suonava “la truvedda”,
dondolandosi al vento
emetteva dei suoni antichi
da fili di erba trasformati in “strumento”.
Anziano, gli occhi immersi
nella storia del tempo
custodita nella sapienza della sua mente,
di avvenimenti e racconti
a voce dagli antichi, tramandati,
Questo nel suono, silente di parole, egli cantava,
il vento, messaggero, lo elargiva
per chi ,ad ascoltare, orecchie adatte aveva.
La sua faccia, solcata dalle stagioni,
aveva le sopracciglia folte, ispidi;
il naso, le narici,
le mascelle forti e possenti
come maschera di Divinità
nel legno scolpita e dipinta.
Questa immagine così ricca di suoni
illumina, agli amanti, i cuori
della Terra Sarda e dei solidi valori.


Cuzinesu con traduzione.

L'incèndiu...

Ruiu che pappàuru,lu soli,
i lu mari è tramuntatu.
In tristura, ill'unda si c'è frundiatu
cilchendi friscura pà bugaci
di la chisgina, li neuli,
in tulbamentu di molti,
pà dirrugghjòsa fiamma.
Malaitti!! ingiuranti mischini mani
li macchj agresti incesi ani
di la piana , la costa e la muntagna
di la nostra amata
Sandalia, Tarra, mamma.
Urrùli di ita, in murìa di focu aldenti
a lu celu justizia dumandani,
cument'ultimu disizzu.
“Babbu Mannu” invocani
"chì all'ommu torria lu judiziu
e in mezu a la chisgina molta
nascia la ita ancora una olta!!".

TRADUZIONE DAL COGHINESE
Il sole rosso, infiammato come papavero
nel mare è tramontato.
Tristemente sull'onda si è fiondato
cercando frescura che gli togliesse di dosso
quelle nuvole di cenere, con sentore di morte
dei fuochi incendiari, che distruggono tutto.
Maledette, miserabili, ignoranti mani
hanno infuocato la macchia mediterranea,
dalla pianura, alla costa, alla montagna
della nostra Terra mamma, Sandalia.
Urla di vita, in moria tra le fiamme,
si elevano al cielo e chiedono a Dio
giustizia e come ultimo desiderio
che l'uomo metta giudizio
perchè in mezzo alla cenere morta
possa rinascere la vita, ancora una volta.


La Trista Missadora 

 

Lu celu di neuli 
è in bugghjura,
Era sirenu
ma in 'un mamentu,
che rebula mala,
s'è pisatu lu 'entu,
cuendi di lu soli
luzi e calura.
I lu campu
un frittu tulbamentu
brina li fiori
in tristura e pientu.
La cupa Missadora,
muta
è arriata
c'una fàlciata,
di la radici bona
presu s'à la ita.
No arreghj mai.
A passu cumpassatu
avanza
chena piatai
li fili imbriglia.
Ch'e fiddol'a Deu,
non facìa maraiglia
chi, pà taddà li fili
ha riziutu mandatu.
Compitu ingratu
pà stà una jamba di famiglia.
Di cunniscì li piani di Deu
non c' è datu.
E a c'ha culpiti,
in pientu e disispirazioni
la Fidi,
in Gesù Cristu,
sia di cunsulazioni.












La triste Mietitrice

Nuvole grigie
hanno rabbuiato
il cielo.
Era sereno
ma, in un attimo,
con cattiveria,
s'è sollevato
un vento
che ha nascosto
del sole
la luce e il calore.
Nel campo,
una fredda turbolenza,
ha brinato i fiori
di tristezza
e pianto.
La nera Mietitrice
è arrivata
silenziosa,
con una falciata,
ha spezzato la vita
della radice buona.
Non si ferma mai,
con passo cadenzato
anticipo,
di pietà priva
i fili degli affetti
scompiglia.
Che pure Lei
sia figlia di Dio
non sia meraviglia
perchè
di tagliare i fili
ha avuto l'incarico,
compito ingrato
per appartenere
alla stessa Sua famiglia.
A noi non è concesso
di conoscere il piano di Dio.
A chi colpito
ora piange nel dolore,
la Fede in Gesù Cristo
sia consolazione.
Mietta


















Lu battiu ( cuzinesu – gadduresu) con traduzione




Li conti dill'antighi, a boci tramandati
sò li cosi più beddi ch' agghja mai ascultati
Mi piaci immaginà li sirintini d'ugnia stasgioni
candu lu vicinatu s'aunia in cuntrasti e rasgioni,
cicchjuendi di viritai a fauli imbulicati,
dugnunu agghìungnia la soa e l'istheddi incantati.
L'anziani, chi cunnoscini lu prisenti e lu di primma,
rindiani lu contu più beddu cumpunendilu in puisia.
Un contu spassosu, intesu, da ziu Giuliu, una sirintina,
m'approntu a raccuntà, si mi palduneti la rima.
V'era un battiu chi , in gana di turrassi a cuiuà
Respirare vighjulendi femmini battìi e vagghjani,
ma, cun la “prenda” palduta, non si pudiani cunfruntà.
Ciavanàani li femmini, pìstendi panni insaunati a la balza
“Scriziatu è lu signoru!!,ma già s'imbara solu si s'avanza,
mancari agghja tarreni, e cà si lu pidda cun chissa paddamazza?”
Ma lu distinu anda chen'ascultà nisciuna chistioni,
cussì, ch'in d'un mamentu, pultatu s'ha lu sò cumpari di fugaroni.
Imbarata sola, la cummari, ricca di biltai e possedimentu
l'amicu nostru aisittò tre mesi di luttu pà fa lu sò avanzamentu.
Turratu da lu balberi ,Vistutu a festha, pà fa bedda imprissioni
asittata la sirintina pinsamintendi parauli folti, battì a lu pultoni.
Accumudatu ill'appusentu s'era già pintutu dill'aldimentu
a chi la femmina chena faetu , cun l'occhj puntati a lu cumpari
avia cumpresu tuttu e s'era appruntendi lu cundimentu.
Vistu chi la cummari , era asittendi cu li mani subr'a la banca,
fattu curagghju , cun bozi seria ,cumenti cunveni la cilcustanzia:

- Siddu non v'offinditi,Cummàri voddu favi una dummanda
voi chi cumprinditti e cumpatiti a ca' veni e a ca' l'anda
voi chi di lu mundu ni cumprinditi la cima e lu fundu
non v'agghj'a offindì, si me cumpari è moltu, lu chi dì intendu -

- Diti lu chi aeti di dì e cos'è l'intinzioni chi vi polta
diti lu chi vi passa, chi pal chissu non m'alza e nè m'abbassa -

- Lu ghi v'agghju di dì, sid' eraddi benigna d' ascultammi
si vi po' aggradì, si seddi in gana di cuiuavi, di pidammi
da chi chidda m'è molta, mi voddu cuiuà un'altra 'olta -

- Pal chi l'agghju a nigà!? siddu m'esci un paltitu mi lu piddu,
però non possu dà prummissi né a chistu né a chiddu
si no è di pruvettu, meddu mi golcu a la sola i lu me lettu. -

- A chissa faidata: vò dì chi mi criditi un ommu malu?!
si verat'infulmata forse,forse s'aragghju vostr'a gradu
a criteriu meu ,in calche cosa, saraghju medd' eu -



- Sarà lu chi sarà, si seddi meddu non mi dispiagi
non andeti a nigà chi non siati ommu di mala pagi
più di un sempliciosu, un banduleri linguddu e girosu -

- Chi femmina chi seddi di mala linga supelva e paddosa!
tandu non la sabbeti chi chidda chi m'è molta era una rosa
e la vulia bè più di cantu ni vulia idda a me -

- si,si,cheddi rasgjoni chi lu malu non ha valsu la sò ita
seddi un bravu maritu!... parò coltz'a idda chi v'ha postu la ita
e no è d'inttuppà a voi cant'è chi n'ha ingultu di aja e di oj -

- nienti è mancatu a la me rosa, trattata l'agghju che mariposa
padrona, ziracca e signora, libara di bulà in tutta la casa
attenta a l'ommu sou e a ugnia sò disizzu, pal me brenda priziosa! -

- scuseddimi cumpà, né padrona,nè ziracca né priziosa brenda
è mè disizzu sta , a chi bulà in drentu a una casa, mancari una 'senda
no è pal me, si puru v'è un maritu priputenti e di mal pagi chi cumanda.

- Cummà !! Chen'offesa, Avà cumprendu pal chi mè cumpari
non timmia la molti ...Cu la mudderi chi l'era tuccata in solti,
poarettu! meddu ill'altru mundu chi sta a una magliaia appari

Presa una scoba, la femmina attidiata , cumenti liata a prummissa fata,
dendi colpi a la schina, finz'a la gesghja undì v'iscia la Missa,
incurrì lu cumpari di fugaroni, chi paria postu infattu da dimoni.
li femmini, appena cumunicati, ridiani figghjulendi lu mazzoni
pissigutu da cà, a lu sou piazeri, 'ulia incatinà cun aneddu
pinsendi chi la cummari fussia agnoni maseddu.





Traduzione...Il vedovo
I racconti degli anziani, che a voce hanno tramandato
sono le cose più belle che io abbia mai ascoltato.
Le serate in ogni stagione, mi piace immaginare,
quando, per chiacchierare si riuniva il vicinato
raccontando fatto vero, da fantasia arricchito,
ognuno ne aggiungeva un nuovo pezzetto
per incantare i bambini in ascolto.
Gli anziani che conoscono il presente ma anche il passato
recitavano in poesia rendendo accattivante il racconto.
Una sera, zio Giulio, mi ha raccontato una spassosa storia
perdonatemi se a ripeterlo ci provo in poesia.
C'era un vedovo che a risposarsi intenzionato
osservava le donne vedove e zitelle
ma nessuna reggeva al confronto con il tesoro prezioso perduto.
Le donne ne parlavano, mentre, lavavano i panni alla vasca:
“ il signore è incontentabile!! ma vedrete che resterà solo
perchè se, adesso, non siamo della moglie all'altezza
noi mai più lo prenderemo, rimarrà con la sua boria e la ricchezza!”
Ma, il destino non segue umani piani
improvvisamente si portò via il compare, l'indomani.
Rimasta vedova la comare, ricca di beltà e terreni,
il nostro vedovo aspettò tre mesi per il lutto, prima di farsi avanti.
Rientrato dal barbiere, indossato l'abito della festa,
per dare una bella impressione
aspettò il pomeriggio pensando parole adatte alla dichiarazione,
poi si mosse e bussò al portone.
Fatto accomodare nella sala, si pentì del suo ardire
perchè la donna con lo sguardo puntato sul compare e zittendo
dava l'impressione di aver capito e che stesse,
qualcosa di spiacevole, meditando.
Visto che la comare aspettava con le mani poggiate sul tavolo, con indifferenza
l'uomo fattosi coraggio, parlò con voce seria , come da circostanza:

- Se non vi offendete comare, voglio porvi una domanda,
voi che capite e siete pietosa con chi arriva e con chi parte
voi che del mondo conoscete ciò che sta in alto ma anche di sotto
non vi offendete per quello che devo dire, seppur mio compare sia morto. -

- Dite quello che dovete dire e qual'è l'intenzione che vi ha portato
raccontate quello che nella mente vi passa ,perchè a me non mi dà, né mi toglie grado.-

- Quello che vi dovrei dire, se siete gentile ad ascoltarmi
è che se vi aggrada, se avete voglia di maritarvi, vi chiedo di sposarmi
poiché mia moglie è morta vorrei accanto a me una compagna, un'altra volta.-

- Perchè lo devo negare! Se si presenta un partito me lo prendo
però non posso far promesse a questo e a quello,
se non mi conviene meglio rimango sola nel mio letto


- Con queste parole mi dite che non sono un buon partito,
se vi foste ben informata, sicuramente, vi sarei gradito
e a parer mio, sono io migliore di voi come partito.-

- Sarà come sarà, se siete migliore voi non mi dispiace,
ma non potete nascondere che non siete un uomo di pace,
più che un bonaccione, siete un linguacciuto, geloso e fanfarone!

- Che donna cattiva che siete, superba e boriosa!
allora non lo sapete che, mia moglie morta, era una rosa
e le volevo bene più di quanto lei ne volesse a me-

- Si, si avete ragione!! per quel che ha sofferto non valeva la pena sprecarci il tempo,
voi siete un bravo marito!!.. però disgraziata lei che ci ha rimesso la vita
e non saranno colpa vostra tutti quegli “oja” ed “ aja” che l'han sfinita.

- Niente è mancato alla mia rosa!!!.. l'ho trattata come una farfalla
padrona, serva e signora, libera di volare per la casa,
disponibile verso il marito e ad ogni suo desiderio, per me era pietra preziosa!

- Scusatemi compare, né padrona, né serva, né preziosa pietra
desidero diventare , perchè volare dentro una casa, anche se ricca quanto un'azienda
non fa per me, se poi vi è anche un marito prepotente ,litigioso che tutto comanda...


- Scusatemi comare ! Senza offesa, ora capisco perchè mio compare
non temeva la morte, con la moglie che aveva avuto in sorte
poveretto!!!! Meglio all'altro mondo che stare insieme ad una strega.

La donna arrabbiata, prese una scopa e come se stesse mantenendo una promessa
dando tanti colpi sulla schiena, fino alla chiesa, dove usciva la Messa,
rincorse il compare di “fugaroni” che correva come inseguito da demoni.

Le donne che avevano preso la Comunione, ridevano guardando il volpone
inseguito da colei che a suo piacimento voleva legare con un anello
pensando che la donna fosse docile come un agnello.










Puisia...gadduresu-cuzinesu con traduzione

L'ansianu campagnolu

La cara signàta
d'agrizza ita
in solti tuccàta.
L'ischina pigghjàta
subbra lu sulcu siccu
di li dì avvinì.
Dal timori
Né Alenu cro sono piddesi
i lu sò laurà.
I li mani,
malcati da la stòria,
la ita,
tosta ma stimata,
svapulegghja
da li diti
in rimpientu di mimoria,
Parìa longa abbeddu
la furrìa di ciuintura
brusgiata pà li campi
fugghjta in un mamentu;
cù la luna e lu soli
chi signàani lu scurrì
di li zurrati e di l'ori.
Calche mamentu
pà l'amori
furatu e di pocu stentu
Un fiddolu sighia l'altru
biniditti da Nostru Signori.
Di pesu no era
lu stirritogghju
o una bucca da sfamà,
aumintàani solu li guttighj
di sudori,
innant'a li sulchi,
pa campà.
Li festi i lu patiu di casa
a lu cori s'acchjarani
e istantu chi lu sunettu canta,
manni e minori, strinti li mani,
baddani l'alligria di l'incugna
pà uffizià lu pani di dumani.
In mezzu a li fascagghj (covoni)
suspiri ammaggati di cioani cori
palchì lu trigu è pani
nutrimentu,
matrica d'amori


IL VECCHIO CONTADINO

Sul volto
segni palesi
di aspro inerpicare
su irta via ,
in sorte.
China la schiena,
sulle faticose zolle del domani,
mai timor lo colse
né affanni
nel suo arare.
Sulle mani,
dal tempo solcate,
la dura eppur
amata vita
sfuma,
con rimpianto di ricordi,
tra le dita.
Sembrava infinito
il giovanil ardore
bruciato tra i campi,
ove la luna e il sole
segnavano i giorni, le ore.
Solo attimi rubati,
quelli per l'amore.
Un figlio dietro l'altro
benedetti dal Signore.
Non fu peso un letto in più,
una bocca da sfamare,
solo gocce di sudore
sparse sulle zolle.
Le feste sull'aia
riaffiorano dal cuore.
Sonata malinconica
di vecchio organetto
che canta
il tripudio del raccolto.
Grandi e piccini
festeggiano il pane del domani
tenendosi per le mani
Tra i covoni
sospiri innamorati di giovane cuore,
chè il grano è pane,
nutrimento,
lievito di vita
amore.






Puisia...li làadori


Li làadori...le lavandaie




Lu riu ha custuditu
di la mimoria, li tegghj( pietra piatte)
di candu li femmini
cujuati , vaghjani e 'ecchj
attupàani a la sò azza (sponda)
cumenti a una balza,
li panni spolchi a làa.
Pa li carrereddi falendi
cu lu caldari in cabu,
in bratzu li fiddoleddi,
s'intrumàani in gruppu,
e pà tuttu lu traghjettu
s'arriminiani chicchjuendi.
A tempu, lu riu scùrria
cun li canti di l'istasgioni
balchizendi veli di saoni
a lu mari chi aspittà
A iddu s'acculdà
la mùgghjta di li boi,
lu lamentu di l'agnoni
i lu pasculu di Rumi.
Cantàani li làadori
i la faccenda attenti,
infusi finz'a chintu,
né lu caldu, né lu frittu,
arrigghja lu chi fa.
Li panni infusi i li caldari
chissi asciutati i la cesta,
prufumati di spicula aresta, (lavanda)
turràani a casa li làadori
sendi chi calàa lu soli.
Traduzione
Le lavandaie

Il fiume ha custodito,
come tracce della memoria,
le pietre piatte
del tempo nel quale le donne
giovani, sposate o vecchie
si radunavano sulla sua sponda,
come se fosse una grande vasca,
per lavare i panni sporchi.
Scendevano per le stradine
con in testa un calderone,
i bambini piccoli in braccio,
man mano che s'incontravano
facevano gruppo
affrettandosi lungo il tragitto,
chiacchieravano.
Il fiume scorreva
seguendo il ritmo delle stagioni,
portava vele di sapone,
come barchette, fino al mare
che le attendeva.
Con i ritmi del fiume
si accordavano delle mucche i muggiti,
delle pecore i lamenti
nel ruminare al pascolo.
Cantavano le lavandaie,
attente al lavoro,
dai piedi alla vita in ammollo,
né il caldo, né il freddo
fermava il daffare loro.
Sistemavano nel calderone
i panni ancora bagnati,
nella cesta quelli asciugati
al profumo di lavanda selvatica.
Così alla sua casa
ogni lavandaia rientrava
mentre,
il sole tramontava.

Portotorres...le lavandaie sul RIU MANNU...















Puisia ...La primma dì di Magghju..( cuzinesu-gadduresu) con traduzione

Vagliu è l'aminu d'alligria (vagliu-privo)
in chisthu primmu di Magghju
palduta s'ha tutta la maia,
di fisthigghjà Manca lu curagghju.

Lu trabaddu, dirittu cunchistàtu
cun sudori e cun sangu di fiori
ill'altari di la dignitai vassatu
pa lu dumani di li sò fiddoli.

Da tandu, a Magghju, banderi di soli
vìntulàani a festa di risurrizioni
pà d'ungja scera di trabagliadori
in libaltai di pisuddi cateni di padroni.

Avali vidi solu occhj pingendi,
ungna dì cresci la disoccupazioni
li diritti a lu trabaddu sò palduti
in famiria rigna la disispirazioni

Magghju! Magghju! Ogghj malincunia dio!
Non vintulàni li banderi di rimbotta
a fini mesi non arrea l'incugna,
pà li ciòani l'immigrazioni l'aspetta

Traduzione

Primo Maggio
Nell'animo non c'è l'allegria
in questo primo Maggio,
sparita è la sua magia,
di festeggiar non vi è coraggio.

Il diritto al lavoro fu conquistato
con il sudore ed il sangue dei martiri
immolati sull'altare della dignità
per le future generazioni.

D'allora, a Maggio, bandiere solari
sventolavano per la vittoria
di tutti i lavoratori, liberi
dalla schiavitù dei padroni.

Adesso si vedono occhi che lacrimano,
ogni giorno aumenta la disoccupazione,
i diritti al lavoro perduti,
nelle famiglie avanza la disperazione.

Maggio,Maggio, oggi che delusione!
Non sventolano bandiere gioiose,
a fine mese lo stipendio manca,
ai giovani non resta che la via dell'emigrazione.



murales Orgolos




PENNELLATE IN LINGUA SARDA
sarda con orgoglio


POESIE
Con traduzione
Di
MARIA ANTONIETTA SECHI
bona DUMINICA DI PALMA  a tutti...

Luzi d' ispirànzia

A una jaca accultu 
cun l'aminu in afannu,
una scuta, pusata mi socu.
Camminesi di sulcu,in sulcu
in zilca di sintimentu,
più folti chi i la Tarra,
pà lu me cori scuntentu.
Unu ghjetu d'Ea chjara
falàa da una rocca
chjcchjulendi in alligria
zilcàa la mè cumpagnia
ed eu, la siti agghju bucatu
a chiss'occhj d'ea cristallina.
Trostu di truma d'agnoni
da lu pasculu falendi
infattu a lu pasthori,
cun soni d'allegri campaneddi,
attiresini la mè attinzioni.
Vultesimi,
a incantu d'apparita,
lu me cori slalghèsi ( si dilatò)
pà trattinì tulbamentu di visioni.
Lu pasthori,
dirràmendi luzi d'amori
chjammàa pà nommu
d'ugnìa agnoni
chi intràa i lu Sò pasciali (ovile)
e candu lu caminu paldiani
li frusciàa, li zilcàa
curàà li firuti
cunfultàa li cori
d'afannu abbuluttati
“Babbu d'ispiranzia
cunsulazioni”
Lu chi cilcàa, autu,
in chissu pasciali,
lagghju postu infattu
cun passu modestu.
Iscitada mi socu,
lu cori allumatu
da sognu si beddu
Cu lu Sò Grazia pà sustegnu,
piddu di pettu
la camminera
chi m'ha ingitatu
e Iddu, mancari indegna,
Lu seru a me accultu.




Traduzione
Lume di Speranza.
Vicino al cancello di un ovile,
con l'anima affannata
mi sono, per un attimo, seduta.
Di solco,in solco avevo camminato
in cerca di un sentimento,
più forte di quelli che
la Terra aveva dato
al mio cuore insoddisfatto.
Una sorgente di acqua chiara
scendeva da una roccia,
gorgogliando allegra,
a sé mi chiamava:
io mi dissetai a quella fonte cristallina.
Scalpiccio di zoccoletti
di un gregge di agnelli
che scendevano dal pascolo
seguendo il pastore,
con suoni di allegre campanelle,
chiesero la mia attenzione.
Mi voltai
incantata da quella visione,
il cuore mio si dilatò
per contenere l'emozione.
Il Pastore,
irradiando luce d'amore,
chiamava per nome ogni agnello
che lieto s'appressava al Suo ovile.
Quando smarrivano il sentiero
con un fischio li richiamava,
li cercava,
curava loro le ferite.
Come Padre, consolava
cuori turbati dall'ansia,
con parole di speranza.
Trovato in quell'ovile
ciò che mancava
al mio sereno vivere,
Gli sono andata appresso
seguendolo con passo modesto.
Mi son svegliata
con il cuore illuminato
dal sogno tanto bello.
Con il sostegno
delle grazie che mi dona,
affronto con coraggio
la strada che mi ha indicato,
ed Egli, seppur non ne sia degna,

cammina al mio fianco.
   
Agghju zilcatu di rimà “una fola antiga” chi m'ha raccuntatu in cuzinesu un anzianu Giuliu Piga

La dì impristhata

Raccontani l'antighi
chi lu mesi di Malzu
era fattu di trenta dì.
Una olta presi
pà dispettu a piuvì.
Un pasthori chi
la so
trumma d'agnoni
aia vistu murì
pà chissu frittu
istasgjoni remoto
cun manu attidiata
l'aia dittu cussì:
“Malzu mazzoni
ti ni sei andendi
cu li mè agnoni!”
Non riziendi
ripostha medio medio rasgjoni,
di falli dispettu
pinsamintò.
Con una faccia bona
s'inginucesi
a lu nou mesi:
“Abrili,Abrili
lu caru me fratili,
imprestami,
di lu tò tempu,
dui dì.!”
“ Si non bastani due
piddatinni tre
e fa dispettu a ca
n'ha fattu a te!!”
accunsintì Abrili.
Parò a lu poarettu
bastata è una dì
pà mandaci Malzu
di malamori,
a chi lu pasthori
salvatu s'ha
l'unicu agnoni
cuattu
sutt'a lu caldari
pa non s'infundì
La nave Malzu E
di trentunu e
Abrili di trenta dì.

Traduzione

Il giorno prestato

Raccontano gli antichi
che il mese di Marzo
era di trenta giorni.
Una volta , per dispetto
non smise mai di piovere.
Un pastore
che aveva assistito
alla moria del suo gregge
per quel freddo fuori stagione
con mano minacciosa
gli disse:
“Marzo, come una vecchia volpe,
ti stai portando via tutti i miei agnelli.
Non ricevendo
né risposta né spiegazione
pensò di fargli un dispetto.
Con il volto sereno
s'inginocchiò
e si rivolse al nuovo mese:
“ Aprile,Aprile
tu che mi sei cugino(che mi vuoi bene come un parente)
prestami due giorni del tuo tempo”.
“se non ti bastano due
prendine tre per far dispetto
a chi ne ha fatto a te!”
acconsentì Aprile.
Però al poveretto
è bastato un solo giorno
per mandar via Marzo
di malumore(indispettito)
perchè il pastore
riuscì a salvare
il suo unico agnello
proteggendolo dalla pioggia
sotto un calderone.
Da quel giorno Marzo ha 31 giorni
e Aprile 30

Maria Antonietta Sechi da un racconto di Giulio Piga
                                





31 marzo 2014

Benvinuta Primmaera

Imbulicàta di culori
acchintata a un vintareddu
profumatu, silenu
ma
barriu di soni
abbramati
di cunsolu spiranzosa
i l'andà.
Non più femmina né rosa,
solu amina
bulàa che mariposa.
E' Primmaera
chi dulzura! Chi incantu”
da meda tempu la cunnoscu
ghjummai m'isvili
o meddu
cilcu di cori
l'incantesimu
chi mi pidda
solu cu lu figghjulàlla,
ligghjlla.
i la Tarra mea tra macchj in fiori.
Li pinsamenti
libbarati da cateni grigi,
ghjucani con loro Neul,
cilcàni lu cuntattu
cun chissa luci
fonti di vita,
cussì disidarata,
tesu filu,
tra Tarra e cielu,
d'amori alenu

TRADUZIONE
Benvenuta Primavera

avvolta di colori
avvinta ad un venticello
profumato, silente
ma
ricco di suoni
anelati
nella speranza d'esser consolata
andavo.
Non ero né donna né rosa
solo anima
che volava come farfalla.
E' Primavera!!
Qual dolcezza, quale incanto!!
La conosco da lungo tempo,
mai mi stanca
anzi
cerco con il cuore
quell'incantesimo
che mi prende
soltanto al vederla,
leggerla
tra le macchie e i fiori
della mia Terra.
I pensieri liberati
da grigie catene,
giocano tra le nuvole,
cercano il contatto
con quella luce
fonte di vita,
tanto desiderata.
Filo teso
tra cielo e Terra,
alito d'amore.






19-11-2013
Poesia con traduzione
Lu pientu ...il pianto

Launeddas, in pientu di Triangle
accumpangnani una cantaritzia ( nenia )
in verniciato, a la disgratzia und'è ghjunta
chi l'amini ha pigghjatu in malgura ( amarezza )



Tarra mea, pà fieresa cunnotta e stimata
canti colpi t'ani missa in agunia?
patroni ti piddani, ti trattani... mai vulia
ìditti in dugna cuzzu culpita e fusticata .



Eppuru ancora ogghj semmu inghjnucchjati,
di Deu lu raiolu, dall'ommu chjamatu,
innant'a noi Saldi in furria d'ea è falatu
parimmu Gesù Cristu in cruci abbandunati.

Deu non rasgiona cu la nostra menti,
innant' ha la Sò impronta ha ghjttatu un segnu
a chi l'ommu di rimidià si piddia impignu
di stà bon fiddoli e sighì li Sò cumandamenti.



La ghjenti Salda accapitta li sò molthi,
irramangati li manichi pa tutti esempiu
di cumenti s'agghjudda lu frateddu, mancari matagnu,
a chi lu sò onori è ancora più folti di la malasolti



traduzione
Il pianto
Launeddas suonano il pianto della tristezza
accompagnando una nenia
sù nel cielo, da dove è arrivata la disgrazia
che gli animi ha piegato nell'amarezza


Terra mia, tu che per fierezza sei conosciuta e stimata
quanti colpi ti han portato in agonia?
Padroni ti prendono, ti usano...mai vorrei
vederti colpita e frustata in ogni tuo angolo


Eppure ancora oggi siamo in ginocchio
la rabbia di Dio, cercata dagli uomini
sopra noi, come acqua furiosa è arrivata
sembriamo Gesù Cristo sulla Croce abbandonati


Dio non ragiona con la nostra mente
sopra la sua Impronta ha lanciato un segno
affinchè gli uomini s'impegnino
ad esser buon figlioli seguendo i Comandamenti.

Il popolo Sardo raccoglie i suoi morti,
rimboccate le maniche, dà a tutti l'esempio
di come si aiuta un fratello, anche se empio,
perchè l'onore Sardo è più forte della cattiva sorte.







Puisia...Tarra mea, mamma d'amori

Strintu è lu me cori,
Tarra mea stimata,
in chisti dì di dulori
Sochi nel pientu palduta.

Digiani l'ansiani
“è tuttu lo ghi vò Deu”
ma no è da funtumani
pà li pisuddi iri di zelu.

Dimoni, in furriosa muita
d'intoppu d'aria fritta e calda
la Saldigna ani scussaltata
cun diluviu d'ea, grandina buliada


Da lu fogu all'ea , accannu
firuti Manni t'ani abbaltu.
Li tò fidholi da lu cori mannu
unghja fratedhu aghjudatu ani.

Silinziosi , chena aspittassi vantu
trabaddani pa dà a li vii curagghju,
a li molthi preghieri in campusantu
e a Te mamma!!! d'amori un ragghju.



TRADUZIONE

Terra mia, madre d'amore.

Stretto è il mio cuore,
Terra mia stimata
in questi giorni di dolore
nel pianto mi sono smarrita.

Gli anziani dicevano :
“succede tutto quel che Dio vuole!”
ma è impensabile
per questa rabbia violenta caduta dal cielo.

Demoni in furiosa corsa ( hanno provocato)
scontro di aria fredda e calda,
la Sardegna hanno messo sottosopra
con diluvio d'acqua, grandine in miscuglio.

I fuochi e il diluvio quest'anno
ti hanno aperto tante ferite.
I tuoi figli ,dal grande cuore
ogni fratello hanno aiutato


In silenzio, non aspettano elogi,
lavorano per dare ai sopravissuti coraggio,
hanno accompagnato, con preghiere, i morti al camposanto
e a Te mamma!!! rivolgono, d'amore, un raggio.


Poesia in gallurese con traduzione.

 

 

7-11,2013
Lu me cantu

Mi soccu arressa un mamentu ogghj

figghjulendi pinsamintosa a li me spaddi

cu la cussenzia di l'anni passati
immagghjni di la mimoria presu m'ani l'occhj.



La famiria nummarosa di anziani e minori

li casi accultu cumenti nidi di piggioni,

li più manni rigulaani li rasgioni
in rispittosa comunitai di pani e amori



Io lu lu di Pusat scalinu nidu sulitariu

i la menti li boci amati di li piggioni bulati

in zelu sò li custodi di li reguli tramandati
in palduta storia ,piengini lagrimi a riu.



Li ghjnirazioni noi cilchendi lu meddu

abbandunatu ani li valori di la familia

si piddani , si lacani chena maraiglia
e li steddi? Tra mammi, babbi noi, ghjà stani abbeddu!!!
traduzione
Il mio canto


Oggi mi son fermata un attimo

pensierosa guardavo alle mie spalle

consapevole degli anni trascorsi
immagini, della memoria mi hanno attraversato gli occhi.

La famiglia numerosa formata da anziani e giovani,

le case vicine come nidi di uccellini

i “maggiori” regolavano l'armonia , le discussioni
nel rispetto e condivisione di pane e amore.

Seduta sul gradino del nido solitario

odo con la mente le voci degli uccelli volati,

in cielo sono i custodi delle regole tramandate
sulla storia perduta, versano lacrime a fiume

Le nuove generazioni cercando il benessere

han perduto i valori della famiglia,

si prendono,si lasciano e ciò non fa meraviglia,

e i bambini? Tra mamme e papà nuovi , sono proprio ben sistemati!!!




 

Lu cantu




Illazz'a lu mari
un vecchju pinu
nel inchjunatu macchja
abbarra lu Entura
chi mugghja,
a bassu ,
cumenti boiu incatinatu
da truma di dimoni.
Cupu, lu mari rispondi
cun furria d'ondi
in cavernosu cantu.
D'allongu arria
un dulci sbràulu
d'anghjoni intimurizitu,
un assolu di cani abbagghjendi
lu cumpleta corale Cantu
mutatu in piena
di la natura spantu.

traduzione
                


Il canto
Vicino al mare
un vecchio pino
nella “macchia”piegato
resiste al vento
che muggisce
con tono basso,
come bue incatenato
da un gruppo di demoni.
Cupo, risponde il mare
con infuriate onde
dal cavernoso canto.
Da lontano arriva
il dolce belare
di agnelli intimiditi,
un “assolo” abbaiar di cane
completa il coro
e ne modifica il tono
della natura vanto.



 

  Papa Francesco I - Jorge Mario Bergoglio In d'unghja casa, addananzi la televisioni s'asittàa la neula bianca, l'occhj luzighi pa l'emozioni prighendi  Nosthru Signori d' illuminà li menti, in cunclavi riunioni, pà vutà un bon Pasthori, in chisthu mamentu di confusioni cumenti cani abbandunati abbaghjendi a lu entu in disispirazioni. Cu la Tò Cara , a lu balconi acchjaratu li cori d'ispiranza hai allumatu, lu Tò "buonasera" lagrimi d'amori , caldi cumenti cera di candela, falàni pà li cari ringraziendi Deu in preghiera. A noi ha datu lu " Bon Pasthori” tantu disizzatu, poaru in mezzu a li poari, no ha nè oru nè impunenti "caddreoni". traduzione Papa Francesco






























 

In ogni casa
davanti al televisore
si attendeva la nuvola bianca,
gli occhi lucidi per l'emozione,
pregando “Nostro Signore”
d'illuminare le menti
in conclave riunite,
per scegliere un “Buon Pastore”,
chè
in questo momento di confusione
siamo come cani abbandonati
abbaiando al vento,
in disperazione.
Con il tuo volto, alla finestra affacciato,
di speranza i cuori hai illuminato,
il tuo “buonasera”,
lacrime d'amore, calde
come cera di candela,
rigavano i volti
che ringraziavano il Signore
con la preghiera.
Egli ci ha donato
il Buon Pastore sì tanto desiderato,
povero in mezzo ai poveri,
non ha né oro né imponenti poltrone

 

ENTU,ENTU




Chi malgonettu
è chistu entu,
in nuttata
è arriatu,
di dimoni
digogliu a scalmentu.
In un toro ha pesato in aria,
ululendi,
unghja di almentu
cumente Padda,
cun furria d'ascia di badda.
Iscitatu m'ha
un dulori di capu,
cumenti cavaddu
a isciolta bridda,
di cialbeddu vultatu.
Cussì
lu dì
agghju aspittatu
pa pisaminni,
lu testa cun abburrugghjunatu
"Ajo" m'agghju garni non Garnier Brist
“fotza e curagghju
sicuramenti
no è bolu di mariposa
ma, cumenti arrea
unghja di cosa succede! "

Traduzione

Vento, vento.



Che malandrino
è il vento,
stanotte è arrivato
come ( se fossero arrivati)
dei demoni
in forte scompiglio. (disordine, litiganti)
Ha sollevato in volo,
urlando,
tutti gli elementi,(oggetti)
come se fossero paglia,
con la furia di una pallottola.
Mi ha svegliata un mal di testa,
forte, come cavallo impazzito,
che avanza a briglia sciolta.
Così ho aspettato il mattino
per alzarmi dal letto,
con la testa, così dolorante,
come se avesse dei bernoccoli.
Ho detto a me stessa:
“ andiamo, su forza è coraggio
sicuramente non è come
udire una farfalla volare
ma,
ma ogni cosa
come arriva
se ne va




Poesia in “gadduresu” con traduzione

Eu soggu salda

Non spantu!
ma no agghju altru vantu
chi di stà fiddola
di chista Tarra d'incantu.
In sulitariu si
di matelnu amori
faedda, a lu me cori,
cu li soi priziosità.
Li tivi piddani
l'odori folti,
mai disparuti i lu tempu,
di la sò agresta natura
Lund, le vessu justu,
agatta
ungja di creatura.
L'cchj s'allumma vigghjulendi
li curagghjosi macchj,
cumenti gemmi culurati,
spaldighinaddi i lu eldi
e tra li tegghj sulcati
da lu tempu.
Sintimenti
faeddani a li cori
di Saldiddai valori,
ill'amina signati
d'antighi gesti tramandati.
Puru si la mesa,
è in tarra straniera
appustata,
Faedda,
cun onori e dignitai,
di rigurosa salditai.



TRADUZIONE
IO SONO SARDA



Non vi stupite!
Ma non ho altro di cui vantarmi
se non quello d'esser figlia
di questa terra d'incanto.
Durante le mie passeggiate solitarie,
di materno amore
parla al mio cuore
con le sue preziosità.
Le narici colgono
i profumi,
mai svaniti nel tempo,
della sua acerba natura,
dove un suo spazio trove ogni creatura.
L'occhio s'illumina
osservando le coraggiose “macchie “( gli arbusti, cespugli)
come gemme colorate,
sparse nel verde
e nelle rocce
solcate dal tempo.
Sentimenti
richiamano al mio cuore
“ valori” di sardità,
incisi nell'anima
dagli esempi tramandati
dagli anziani.
E anche se “il tavolo” (desco)
è in terra straniera ( emigranti)
”racconta”
con onora e dignità,
di “ rigorosa “ SARDITA'”.
( usanze, costumi, comportamenti, amore per la propria Terra).




L' amicizia e Face Book


E' funtumata “amicizia virtuale”
vessu nuovo di lu parla
undi una fritta tastiera
rimitti la musicalitai
di la paraula vera.
Una strinta di manu,
un abbratzu
paldutu ani Valori,
appannendi di l'amicizia
anticu saori.
Pa natura l'ommu
solu non po stà,
ma
in brancu
i l'abitudini di li reguli
folma la so passona
vivendi i l'amicizia
una palti impultanti
pà lu sou,
cun l'altri, andà
La “ technologia”
sostituì non pò
un valori cussì mannu,
undi, lu figghjulassi ill'occhj
una strinta di mani
più valori ha
di tanti parauli vani.
Arribbidata
a faiddà schiccendi un solu ditu
azzaldatu agghju un invitu
pa cuniscì di passona
l'altra banda di lu P.C.
Ci semmu auniti
cun saluti e cuntrasthi
cumenti tra vecchj amighi
scambiendi l'alligria
ma puru li dulori
alleziricatu emmu lu bastu,
eppuru primma erami
un'immagina e un tastu.

Traduzione
È nominata “ amicizia virtuale”
il nuovo modo di comunicare
dove una fredda tastiera
sostituisce la musicalità
emotiva della parole vera ;
una stretta di mano,
un abbraccio han perduto valore,
offuscando dell'amicizia
atavico sapore.
Per natural formazione
l'uomo fa parte del branco
nelle cui regole
affina il “ sè”
vivendo nell'amicizia
una sfaccetatura
della umana condizione.
La tecnologia
non può sostituire
un così intenso valore
ove, uno sguardo
una stretta di mano
valgon più
di tante parole.
Ribellata
a comunicare
schiacciando un solo dito
azzardato ho un invito
per conoscer chi stava dall'altra parte del p.c.
Ci siamo riuniti
salutandoci e chiacchierando
come vecchi amici,
di gioia e dolore
alleggerendo il basto
eppure, prima eravamo
un'immagine ed un tasto.


1--LA MILUDIA

Un istarrata carreredda,
camineddu di muntagna,
l'  immensu azurru
di lu zelu
innant’a me, cumenti velu.
Camminàa sprufundada
i li culori e l’odori,
in mezzu a chissa natura amada.
Una malinconica e sirena  miludia
mi piddesi lu cori ,
invidendimi a cuntinuà,
sighendi chissu sonu
di li leoneddas,
unicu pa biddesa.,

In  drentu all’aminu
sentimenti antighi,
prufundi di  prinzipi e valori,
cumenti la Tarra mea,
tramandadi  cu li tradizioni
girosamenti custudiddi
 in drentu a li cori .
 M’agattesi
 in una pianura ELDI,
cuadda in mezzu a li muntagni;
 incantu di la natura.

Uno di Agnon TRUMA pasculàa
e, un   pastori,
innantu a un monti assintaddu,
chissu cantu sulitàriu sunàa,
pisendilu da lu prufundu di lu so cori
ringraziàa la natura e
lu stadiali chi avanzàa cun amori
 Un vintizeddu accumpagnàa
lu sonu
 faidàa
 di salvatighi fiori,
di frutti di maccioni,
d’aspru  prufumu,
di foddi cuaggiosi e folti
attaccadi a la pianta
e, la pianta a li rocchi..

Chena straccuggini
lu pasthori sunàa
cumenti l’ea chi fala
giughendi a brinchi
in mezzu a li monti,
chena disthulbà
di la pianura
lu so andà..
Ansianu e possenti,
tinia l’occi puntaddu
in drentu a lu sabè di la so menti,
ricca di esperienzi
dunàa ,
a chi avia aricci pa ascultà,
lu chi cunniscia,
cu lu so sunà

Arriggìi , incantada,
la so cara a figgiulà.
da lu tempu signadda
cumenti la tarra:
li sopracigli incribbiddi.,
lu nasu  cavernosu,
li massiddai sporgenti
ma pintaddi
cumenti,
in mascara di lignu,
 intagliaddi.
Il m'ammintàa Espressioni
un’antiga divinidai
chi illuminàa li musi.
Iddi, tucchendi li cori
di li poeti
li invugliàani,cun umildai
il cumpunimenti
d’ognia scera e cariddai:
aspri e ricchi di buntài,
cumenti  di l’amini saldi
so li sintimenti.


traduzione
LA MELODIA
Una stradetta sterrata,
viottolo  di montagna,
l’azzurro immenso
Cielo
su di me, come velo.
Andavo immersa
nei colori, nei profumi
Della natura intensa
Una malinconica
E dolce melodia
Invase il mio cuore
Mi spronava a salire.
Seguii così
 il suono
inconfondibile
delle leoneddas
Dentro di me sentivo
arcaiche  espressioni
di valori  forti
della terra mia,
tramandati nelle tradizioni,
gelosamente difese
e custodite nei cuori
Mi ritrovai
in una verde pianura
chiusa tra le montagne,
un miracolo della natura!!
Un gregge pascolava
ed un pastore,
sopra una sporgenza, seduto
suonava il suo canto solitario,
che salendo dai recessi del cuore,
portava il suo “grazie” alla natura,
ed all’estate che avanzava  sicura.
 Il vento accompagnava
la musica che,
 parlava dl profumo
di fiori selvatici,
di bassi cespugli con bacche
di aspra  fragranza;
di foglie  forti ,coraggiose
abbarbicate alle piante,
e la pianta alle rocce,
Senza stanchezza  il pastore
cantava
di piccole ,saltellanti cascate
 il cui  allegro giocar
non disturbava
l’equilibrio armonico nella vallata.
Il pastore  anziano e possente,
l’occhio fisso nella saggezza della sua mente,
custode delle sue preziose esperienze
 donava con la musica
le radicate conoscenze
A chi aveva occhi, orecchie e sentimenti
degni  di coglierle , leggerle sentirle
aldilà delle piccole menti
Mi soffermai ad osservare
I tratti del suo viso
 induriti dal tempo.
Le sopracciglia aggrottate,
il naso cavernoso
gli zigomi sporgenti
e'm delineati,
come scolpiti in maschera di legno,
pareva nascondere
la divinità  di un altro tempo
che, illuminando
La musa ispiratrice,
facea nascer nel cuor
degli antichi poeti,
con spontanea umiltà
 liriche dolci, aspre, forti
che sanno di pura sardità

                       



2--AMORI IMPUSSIBIRI

Ry lu Accultu
v’ha una casedda
abbandunadda
una storia trista
 l'ha signadda
Lu riu scurrendi a lu mari,
in drentu a una rocca
ha cuaddu
sthoria un amore,
chena dumani
A prumissu cioanu
a una stedda,
pa cuntrattu dill’anziani,
s’era rassignaddu
cumenti inpunia la tradizioni.
Ma lu distinu
differenti camminu
l’avia assignaddu.
Passendi accultu a lu riu,
una cioana,
bedda che fiori, luminosa cumenti lu soli,
 VIA presure lu cori.,
S ‘incuntraani a fuggiddura,
i la  casedda eccia
Li carezzi erani accumpagnaddi
da lu cantu di lu riu
chi a bozzi lenta
non disthulbba di chiss’amori
 lu disizzu
Pa chissa sthoria
di passioni e lagrimi.
non v’era un dumani
pal chi, la prummissa  di fidanzamentu
è cuntrattu d’onori,
e comprendi tarreni, bistiammu
correddu, ori….
tuttu, francu chi
sentimenti  d’amori.
Una notti., li due cioani amanti
s’erani  daddi appuntamentu
i la casedda,
e viggiulendi
la biltai
di lu filmamentu,
Tenta di uccelli,
da lu riu, s’erani lassaddi
trasginà
Avà  erani libari
di pudessi amà.
Lu riu  abbrazzendili
l’aia , pa sempri,
cuaddi a la curiosiddai,
Curumburi Cumenti,
l'animato pisaddi s'erani e Bolu
acciappendi, in chisssa libalthai
Amore, pane Sempra, cunsoru.

Traduzione…….l’amore impossibile

Nei pressi del fiume
Vi è una casetta
Abbandonata,
una triste storia
Sempre ha Segnata.
Il fiume, scorrendo verso il mare,
dentro una roccia,
ha nascosto una storia d’amore
senza futuro.
Un giovane, promesso sposo
ad una ragazza,
con accordo steso tra gli anziani,
alla quale si era rassegnato.
secondo l’usanza
Ma il destino
Per lui, aveva designato, altro cammino.
Passando presso il fiume
era stato colpito
da una giovane
bella come un fiore
splendente come il sole,
gli aveva rapito il cuore.
S’incontravano nascostamente
nella vecchia casetta.
Le loro carezze erano accompagnate
dal canto del fiume
che con serena voce
npn disturbava
quel desiderio d’amore.
Per questa storia di passione e lacrime
Non vi era un futuro
Perché la promessa di fidanzamento
Del giovane
Era contratto d’onore
Che comprendeva: terreni, bestiame,
corredo e ori,
vi era di tutto
tranne amore.
 Una notte i due giovani amanti
Si eran dati appuntamento
Nella casetta
E, guardando il firmamento,
tenendosi per mano,
si eran lasciati trascinare
dal fiume, in un momento,
Adesso liberi di amarsi,
vennero nascosti dal fiume
lontano da sguardi curiosi.
Come colombe
Le loro anime
si eran sollevate in volo,
trovando in quella libertà
consolazione
all’amore sofferente
del loro cuore





3  Pinsamenti a sirintina

Una rocca
in mezzu a lu mari
s' ispicchja ill’ea
ruia e
fighjola,
da meda Tempu,
lu soli accesu
i lu tramontu
Idda sà chi poi,
no avarà ambarà sola,
a chi lizzera,
arrearà la pazi
di la prufunda sera.
Lu soli la saruta
cun d’un'istriscia di luzi
chi s’allonga finz’a la piagghja
illuminendi
lu caminu
di la dì’ passata;
c’anda
assintendisi,
chena pressa,
i la rodda di l' isthòria
di l’ommu,
undi, la dì prisenti
diventa arimani
lassendi chi lu dì nou,
cun folti mani
tiria la funi all’ indumani
La striscia di luzi
è l’ultimu
saluddu di lu soli
a lu tempu chi fuggi
tale funi,
è lu basciu a la luna
pa rigaralli
chissu splendori,
chi cunfolta a sirintina
li cori.
Cun chistu iogu
incurrissi di:
Avà la luna
poi lu soli
Iscumenza, gira e passa
dill’ommu la vita
d’alligria e dulori
Girare rotto
scurri lu tempu,
cumenti di campana sonu,
La vita dura
un mamentu solu

traduzione:   PENSIERI ALLA SERA
 Uno scoglio
 in mezzo al mare
si specchia
nel rossor dell’acqua
osserva da
lungo tempo,
al tramonto
il sole acceso..
Egli  sa che dopo,
non resterà solo,
perche leggera
arriverà la quiete
della profonda sera.
Il sole lo saluta
Con un ha un'estensione
Striscia di luce
Che si espande
sulla spiaggia
illuminando il percorso
del giorno trascorso,
che va a sistemarsi,
senza fretta,
nella ruota della storia
dell’uomo,
dove il presente diventa ieri,
lasciando che il nuovo giorno,
con le sue forti mani,
tiri la corda all’indomani.
La striscia di luce
È l’ultimo saluto del sole
al tempo che fugge
sotto il tiro della corda,
è il bacio alla luna
per donarle il suo splendore
conforto, nella notte, al cuore.
Con questo gioco
Di  rincorrersi,
adesso la luna
dopo il sole,
inizia, gira e passa
dell’uomo la vita,
con gioie e dolori,
gira la ruota,
scorre il tempo,
e, come di campana,
il suono
la vita scorre
in un solo momento





8 dicembre, 2012

4    poesia in dialetto con trad.........li muntigghj eldi.......le colline verdi


Arriendi da lu mari
si idi un logu pianu
Chi è un incantu  
Cun dulzura ,
addareddu,
si pesani,
cumenti la crista
dilicada
d' una iaddina,
 li eldi muntigghj
Innantu s’appoggiani
 li  stazzi:
poghi caseddi
accultu uno all'altra,
imbiancaddi di calzina,
cu li balconeddi,
figghjulaani
cumenti occhjareddi,
lu riu
chi fala a mari
dappoi d’aè daddu
a bì tutti l’animari
Lu bistiammu:
Acchi,
Viddeddi, agnoneddi
e crabi,
cu li soni di li campaneddi
e cuntrastendi
dazini
Bozi un Entura lu
chi, pesa tutti
li soni in aria,
puru chissu di la campana
di la ghjesgia
chi con lu vesparu,
un sirintina,
auni la famiglia
pa era la
priparadda da la mamma
cun amori.
Prima di magnà,
da lu magghjori a
lu minori,
signendisi cu la cruzi,
ringraziani
nostru Signori



traduzione
le verdi colline

arrivando dalla parte del mare
vi è una pianura
incantevole,
con delicatezza
dietro si sollevano,
come la cresta delicata
di una gallina,
le verdi colline.
Sopra si appoggiano
Gli stazzi,
poche casette
l’una accanto all’altra,
imbiancate di calce,
con le finestrelle guardano,
come se fossero occhietti,
il fiume he scorre verso il mare

dopo aver abbeverato gli animali.
Il bestiame: vacche, vitellini,
agnelli e capre
con il suono delle campanelle
e “ chiacchierando”(con i loro versi)
danno voce al vento
che solleva tutti i suoni
nell’aria
anche quello della campana
della chiesa
che, con il Vespro
alla sera,
riunisce la famiglia
 per la cena,
preparata dalla mamma
con amore.
Prima di mangiare,
dal più piccolo
al maggiore,
con il segno della croce
ringraziano
Nostro Signore



5   la passizzata
Chi cosa manna
m'ha posthu ogghj
i lu cori
la passizzata a lu mari;
non vi so dinà pa pagalla
I la palti in drentu di l' ipiagghja
il muntigghju fascio delle Nazioni Unite in rena,
tutta, di macchj e pianti piena,
nati impruvisamenti
in mezzu a chissu eldi,
chi mi pianaa l’occhj d'ungja dì.
Manci di fiori fucsia azzesi,
pariani rosi dilicati e fini,
abbalti cumenti mani tesi,
ghjraddi a lu sori
e figghjulendi il jenti
“buongiorno “ salutaani cuntenti;
in mezzu a iddi
“ lu croccu” cu lu so fiori biancu
e ancora la “rosa marina”
s'appruntaani a abbrissi pa fulmà un mantu
di la Madonna degnu,
un veru incantu!.
Dinanzi a chissà visioni
una parola lu Zelu:
“grazie” babbu d’amori
risthoru, consurazioni
di tutti li cori.”


Traduzione
la passeggiata

Che intensa sensazione
ha sentito oggi il mio cuore
durante la passeggiata al mare
non vi è denaro che la possa pagare.
Nella parte interna della spiaggia
vi è una collinetta di rena
tutta di macchie e piante piena,
nate improvvisamente,
nel verde attorno,
di cui mi riempivo gli occhi
ogni giorno.
Macchie di fiori fucsia accese
simili a rose fini e delicate
rivolte al sole , osservavano la gente
“ buongiorno” sembravano salutar contente;
in mezzo a loro “ il crocco”
con il suo fiore bianco
e, ancora la “rosa marina”
si preparavano ad aprirsi
per formare un mantello
della Madonna degno,
un vero incanto!!
Davanti a quella visione,
una sola parola elevo al cielo:
“ grazie, Padre d'amore
ristoro e consolazione
di ogni cuore.”



Ugnia paesi ma
puru la ziddai
V'aja vi Madonna
o un Santu prutittori.
Manna era la divuzioni.
Li  poari ma,
puru li signori
piggiaani lu cabbu,
bugaani lu cappeddu,
s'inginucciaani adananzi
a lu Santu,la Madonna o Nostru Signori
In chissi tempi,
chi non so cussì allongu,
né trabaddaa efficiente
da candu nascia lu sori
il CANDU e culcaa giorno.
Meda Eran zappadori li,
Dazia lu nutrimentu la Tarra
cumenti, pa li fiddoli, una mamma
Ma,la dì, di la Festha Manna
era Sacra e Santa.
Li pastori, pisaddi a primu manzaniri,
lu bistiammu accudiani
dappoi a casa , lestri, turraani
pa priparassi,
cu li calzoni boni e la jacchetta
li scalpi alluccinchintati
cun in capu la barretta,
andaani ONU ghjesgia.
Adananzi l’ommu,
e addareddu la mudderi cu li fiddoli.
Tutti i la piazza s'acciapaani
undi li parai
Avian Priparaddu lu Carru con il loro buoi,
addubbati cu nastri e fiori
d’ugna curori.
In mezzu a lu carru
vinia puggiatu lu Santu
o Nosthra Signora
vistuti a festa e cun l’oro
di la divozioni innantu
La jenti si signaa,
e, cun l’ommini a cavaddu ,
adananzi a lu carru chi,
pultaani li banderi cun onori,
lu preddi,
e in fira,
li femmini ghjesgiuriani
iscuminzaa la prussizioni.
Li preghieri e li canti
si pisaani da li cori.
Tutti insembi prighendi
cun sinzeru amori
Candu turraani a ghjesgia,
poi d'avè giratu pa li camini,
l’omini a cabaddu,
posthi un Fira,
a occi appari
cu li fusiri. in altura, zuccaani li spari.
Candu passa, in mezzu ,
Nostra Signora o lu Santu
abbasciavani li banderi
in segnu di salutu.
Sighia la Missa cu la prediga
di lu Pridigadori,
giuntu da un altru logu,
Li so parauli erani ascultati
cun attenzioni,
pa fanni argumentu di discussioni
in casa, in piazza i lu stangu
a la mimina occasioni
Poi dungiunu turraa a la so casa,
cu li parenti,
accudiddi pa la festha,
si pusaani in banca, tutti cuntenti
li piatti pieni, figgiulendi.
Non l’aspittaa lu poaru gustare d’ognia dì
ma, la zuppa gadduresa
gli gnocchi fatti a manu cun la canistredda,
la carri arrustu o buddita,
li cosi boni, priparati da li femmini,
uniti insembi pa vizinatu.
Impastaani e cuzziani
i lu Furr un lignina,
chjcchjuendi e ridendi
pinsaani a la festha e a li cumprimenti
dill’attesi strangi e parenti.

la festa notevolmente

ogni paese
ma anche le città
avevano una Madonna o un santo protettore.
Grande era la devozione.
Il povero ma anche il signore,
piegavano la testa,
levandosi il cappello,,
s'inginocchiavano davanti al santo, la Maadonna o nostro Signore,
vestiti a festa e addobbati
con l'oro della devozione.
In quei tempi,
non così lontani,
la gente lavorava
da quando sorgeva il sole
a quando tramontava.
Molti erano contadini,
la Terra abbondava di doni
come una mamma con i suoi figlioli,
ma il giorno della festa grande
era sacra e santa.
Il pastore si levava all'alba,
accudiva al bestiame
poi rientrava a casa,
i calzoni buoni indossava, la giacca, le scarpe lucide
il berretto in testa,
si recavano alla  chiesa.
Davanti il marito
dietro la moglie con i figlioli.
Si ritrovavano tutti in piazza
dove il comitato
il carro con i buoi
aveva preparato,
addobbato di nastri e fiori di tutti i colori.
In mezzo al carro
era sistemata la Madonna o il santo
ben addobbati.
La gente faceva il segno della croce
e, con gli uomini a cavallo,
davanti al carro,
che portavano le bandiere con onore,
seguiva il prete e
 in fila
le donne di chiesa,
iniziava la processione.
Le preghiere e i canti,
si sollevavano dai cuori,
tutti insieme pregavano
con sincero amore.
Quando rientravano alla chiesa,
dopo aver girato per le strade,
i cavalieri si sistemavano in fila
uno di fronte all'altro,
sollevati  i fucili in alto
sparavano un saluto.
Quando passavano 
nel mezzo
nostra Signora o il santo
abbassavano le bandiere
anche loro salutando.
Cominciava la Messa con la predica,
fata da un predicatore
giunto da un'altra parrocchia,
Le sue parole,
ascoltate con attenzione,
erano argomrnto di conversazione
in casa ,in piazza, alla betola
in qualsiasi occasione.
Infine, ciascuno ritornava alla sua casa
con i parenti
arrivati per la festa,
si sedevano al desco tutti contenti
osservavano le pietanze.
Non li attendeva il misero pasto di ogni giorno
ma la zuppa gallurese, 
gli gnocchi fatti a mano con il canestro,la carne arrosto
o bollita,
i dolci preparati dalle donne,
riunite insieme
a gruppi per vicinato,
impastavano e cuocevano nel forno a legna.
chiacchierando e ridendo
pensavano alla festa
ed ai complimenti
che avrebbero ricevuti
dagli invitati e dai parenti.

14 dicembre, 2012

puisia....poesia 7



In libaltai,
ad occhj chjusi
cun naturalesa cantu
lu chi lu cori intendi,
lu chi mi passa pa la menti
in tristura o alligria,
mai da Vantis !!,
solu pa spicciammi
in maraiglia
di timparaddu aminu
chi canzona in puisia


la poesia

In libertà
ad occhi chiusi,
con naturalezza canto
quel che il mio cuore sente
ciò che mi passa per la mente
sia tristezza o allegria,
mai per vanto!!
solo per rispecchiarmi
nella meravigliosa
serenità dell'animo
che canta in poesia

8    Raccuntava mamma

chi cand’era pitzinna minori,
una vostha all’annu,
ra genti di ru quartheri
azzindia, i ru custhiri,
un fugaroni

Tutti umpari,
puniani in giru carry Fogu,
in drentu si lampavani
li cosi vecci.
cun eddi,
paria chi,
brusciavani puru
ri rancori, ra povasthai e ri durori.

Si pisurà ra fiamma
i ru alto nel cielo
priziosa,allegra,
in giru abbaiddendi,
facci di manni e minori allumava
accarizzendi
cumenti una mamma,
Infiammava ri cori
di tutta ra genti


Dovaristiami turrà
a chissi tempi,
azzindì un fogu mannu
di fiamma e carori
pa isciuglì ru freddu, ra nebi
c'avemmu in drentu a ri cori.
 

traduzione 

Raccontava mamma..

Raccontava mamma
che, quando era bambina,
una volta all'anno,
le gente dello stesso quartiere
accendeva nel cortile
un grande fuoco.

Tutti insieme
gli si mettevano attorno
e gettavano dentro
le cose vecchie,
con queste sembrava che bruciassero
anche i rancori, la povertà e i dolori.

Una grossa fiamma
si sollevava verso il cielo
preziosa e allegra
si guardava attorno
illuminando i volti di grandi e piccini
infiammava loro i cuori.

Dovremmo ritornare a quelle usanze
accendere un fuoco immenso
ricco di fiamma e calore
per poter sciogliere il freddo, la neve
nei nostri cuori.


26 ago 2011
  • 9 .... Giochino con l'alfabeto ............


A- manzaniri
B-alchizàami  a  vela imbirriadda
C-un l’ alligria
D-ill’eddai  di l’incuscienza,
E-ramie signore sa lu Asht
F-oghile di fiamma manna
G-uvernàa li cori.
I-dei e pinsamenti, avviaddi insembi
L-iamentu d’amicizia manna
M-aravigliosa, ambaradda  pa sempri.
N-ienti  pudia arriggì li schelzi e l’innamurà
Opportuniddai si ni zilcàani, ma
P-a chissi tempi, era lu chi si pudia fa, fora di lu trabaddà.
Q-uadruplicàani li risaddi, li sirintini di lu stadiali
Riuniddi i li cultili a ciarrà . L’anziani
S-abiesa puniani  i lu  raccuntà li  foli,
T-uttu pinsàami ,  francu chi a inviccià.
U-n annu sighendi l’altru , lu tempu è passaddu
V-eru e viriddai, la ita è una rodda chi jra
Z-ampittendi aemmu camminaddu e adananzi aemmu andà.

    traduzione
A.l mattino
B-archeggiavamo a vela spiegata
C-on l'allegria
D-ell'età dell'incoscienza
E-ravamo  padroni del mondo
F-uoco con grandi fiamme
G-overnava i cuori
Idee e pensieri pensati insieme
L-egamenti di grande amicizia
M-eravigliosa, rimasta per sempre
N-iente poteva fermare gli scherzi e i corteggiamenti
O-pportunità se ne cercavano ma
P-er quei tempi era quello che era concesso fare, oltre il lavorare
Q-uadruplicavamo le risate  le sere d'estate
R-iuniti nei cortili a chiaccherare. Gli anziani
S-aggezza ponevano nel raccontare le storie
T-utto pensavamo, tranne che ad invecchiare
U-n anno seguendi l'altro, il tempo è trascorso
V-ero e verità, la vita è una ruota che gira
Z-ampettando abbiamo camminato e ora avanti dobbiamo andare


4 maggio,

10 LITRANGHI Culti

E' tutta la sirintina
chi mi tribuliggiu  
lu cabu,
pinsamintenti
cumenti si ciamma ,
in dialettu,
chissu passonagghju
chi pidda" li battuti"
cumenti
colpi tiraddi a la digniddai
di li so cunvinzioni.
Prontamenti dazi, la sicca  spiegazioni,
punendosi adananzi li mani,
mancari chi nisciunu vi li vulia tuccà,
Anzi, li so  cunvinzionii,  poni sta li mattessi
di ca burulendi tuccaddu l’ha
Po darsi puru
Chi la battuta,
a volti, possia  sta indilicada,
e parauli ,
ditti burulendi
parini ,a ca li rizei, monti,
a da ghi la sicca risposta
Ma a burulà non si paldini
decoro , dignidai e cunvinzioni,
non si po sta sempri aimmadu
a pinsà  chi tutti li ghi abrini bucca
ti volghiani uffindì.
A me pari chi si stogghia
meddu , mancari cu l’idee e
 convinzioni diversi,
insembi e accultu
semmu fiddoli di la mattessi
di!
a chi sta " litranghi cultu?"


traduzione


E' tutto il pomeriggio
che mi tormento
la testa
pensiero
come si chiama,
in dialetto,
quella persona
che, accoglie "le battute"
come colpi tirati alla dignità
delle sue convinzioni,
immediatamente dà la secca spiegazione,
mettendo avanti le mani,
nonostante nessuno gliele volesse toccare
anzi le sue idee potevano essere 
le stesse di chi, scherzando, lo ha toccato
E' probabile che la battuta
possa apparire indelicata,
e parole dette con ironia x scherzare
 sembrano a chi le riceve sassi
e da lì la secca risposta.
Ma a scherzare
non si perdono
decoro,dignità e convinzioni
non si può stare allertati
pensando che
appena qualcuno apre bocca
ti voglia offendere.
A me sembra che
si stia meglio,
con le idee e convinzioni
differente,
uniti vicini tutti insieme,
siamo figli della stessa Terra
perchè essere permalosi?



11
"il primo amore"di Maria Antonietta Sechi
traduzione in logudorese del poeta : Franco Masia che ringrazio di cuore

Cando benzo a t’acciappare
su fiagu tou,durche ,forte e agru
de sale e fiores agrestes
m’ischidada sos sensales Si movene sos naios comente pudderiga respiro in s’andare a dai nanti dae semper ti connosco e ontzi orta est sa prima orta: estensiones emotivas noas mi donas sas tuas carignas delicadas subra sos pes Su tou murruntzare in mesu a sos pilos botzas maccas de m’ichettare in sa tua immensidade,galana cando non frenas sa tua balentia allitzos penetrantes de unu indemoiadu Eolo Sos tuos ticchirrios iscuros m’abberini su coro cando t’abbaido in tegus mi perdo e m’acciappo o mare chi in d’unu abbratzu solu istringhes sa terra mia ses su meu primordiale e mannu amore!!!




























  • 26 ottobre 2012

     

     

    12      Santa Maria di Coghinas

     V’è un paesi di l’Anglona,
    in Gaddura cunfinendi
    undì li  casi s’acchjarani
    un longu meda Caminu,
    occhj a una all'altra
    cumenti  pettegoli
    cummari  chjcchjuendi
    Una  fasciola
    di  muddizzosi  muntigghj
    posti cumenti  cappitta 
    addaretu li spaddi,
    mentri adananzi,
     fala in bassura  
    prosperosa pianura,
    sulcata dicciosamenti
    da lu riu Coghinas .
    “Cuzina”, in dialettu,
    è  lu paesi pa  la jenti
    Cussì chjamata
     li tempi antigghi,
    pa chissa ghjrata di lu riu,
    da Deiu biniditta
    undi   lu finominu
    di li caldani capita
    A memoria d’ ommu.
    dà sullievu a  li durori,
    di lu paesagghju la biddesa
    saluti dona a la menti e a li cori.
    L'odori sulfaratu,
     rasposu si pesa
    subbra  lu muntigghjiu
    di  lu casteddu  di li Doria,
    pinitrenti li grutti,
    signaddi da lu tempu,
     il di accultu
     Monti Ruju
    chi ,
    a la calada di lu sori,
    pesa la crista
    azzesa che fogu,
    riflittendi   alligrognu
    colori lu soju.
    Curona  priziosa
    pa “Cuzina”
    La ghjeshja,
    senda di la dibuzioni
    di li cuzinesi
    pa la mamma di Nostru Signori.
    Santa Maria di li grazi
    patrona di li spiranzi.

    Traduzione

    C’è un paese in Anglona
    che confina in Gallura
    dove le case si affacciano
    su una strada molto lunga,
    l’una di fronte all’altra,
    chiacchierando
    come pettegole comari.
    Una fascia di morbide colline
    sistemate come mantella
    stanno dietro le  sue spalle,
    mentre, sul davanti
    scende verso il basso,
    una prosperosa valle
    solcata felicemente
    dal fiume Coghinas.
    “Cuzina” in dialetto
    la gente chiama il paese,
    nominato  così fin
    dai tempi antichi,
    a causa di quell’ansa
    del fiume,
    da Dio benedetta
    dove avviene
    il fenomeno delle acque calde.
    A memoria di uomo
    danno sollievo ai dolori
    e la bellezza del paesaggio
    dona salute alle menti e ai  cuori.
    L’odore sulfureo,
    acre si solleva
    sopra la montagna del castello
    dei Doria,
    penetrando le grotte,
    scavate dal tempo,
    del vicino monte Ruju (rosso)
    che al tramonto
    sollevando la cresta
    accesa come fuoco
    riflette gioiosamente
    il colore suo.
    Corona preziosa
    per “Cuzina”
    è la chiesa,
    tesoro della devozione
    dei Coghinesi
    per la mamma di Nostro Signore
    Santa Maria delle Grazie
    Patrona delle Speranze.

    veduta terme di Casteldoria

Tempu lu ... ........ ...
L'ommu pensa
chi lu tempu
andia a passu soiu
S'iddu è ambarendi eventu
non passa mai,
si lentu, lentu.
Si nudda è ambarendi
passa currendi.
Pal chi  lu tempu
non fazi piazeri
a nisciunu
passa cumendi riu
lizeri e custanti
pultendi dill'ommu
la vida adananzi.
Tuttu cambiggia
in bè o in mali
di vida ha UNU scumenzu
e una fini,
mamenti boni o mali,
ma lu tempu,
co la so pazenzia
e custanzia
ha l'oggi
lu dumani e l'arimani.

traduzione
il tempo



L'uomo pensa
che il tempo
segua i suoi ritmi.
Se, egli aspetta un evento
non passa mai,
scorre lento, lento.
Se l'uomo non attende niente,
trascorre velocemente ,
perchè il tempo
non fa piaceri
ad alcuno,
scorre come fiume,
leggero e costante
portando, dell'uomo,
avanti la vita
come un storia infinita
Tutto cambia
nel bene o nel male,
la vita ha un inizio
ed una fine,
momenti gioiosi o amari
ma, il tempo,
con la sua pazienza
e costanza




 03 settembre, 2012
14   lu cumandamentu

Candu la manzana
scumenzu  la dì
s'intendi lu  sonu di la campana
ammintendi a tutti
di ringrazià Deu
chi ha disizzatu cussì.
Da lu balconi,
di soli,
un raggiu
s'acchjara illuminendi
menti e cori,
di pisatinni dà curaggiu
pa ringrazià chissu Babbu d'amori.
Simenta di la vita
ha dunatu
insembi a la maddrigga
pa lu pani,
lalga manu  ha lassatu
pa la cultivazioni.
Un cumandamentu ha affidatu:
“A Iddu solu aemmu di dà amori”
ma Deu è in dugnia logu,
e in tutti li passoni.
Cussì cumandendi
posthu ha
una catena tra li cori
di la jenti dugna culori
pal chi dugnunu è
ghjescia di nostru Signori.

Traduzionne

Il comandamento

Quando il mattino
dà inizio al giorno
si sente il suono della campana
che ricorda a tutti
di ringraziare Dio
perchè questo è il suo desio.
Dal balcone
un raggio di sole
si affaccia illuminando
la mente e il cuore,
di alzarti dà coraggio
per ringraziare quel Babbo d'amore.
Seme di vita ci ha donato
insieme al lievito per il pane,
libertà ha lasciato
per la coltivazione.
Ci ha affidato un comandamento
“ donarGli amore”
ma poiché Dio è in ogni luogo
e in ogni persona,
con quel comandamento,
ha messo una catena per collegare il cuore
delle genti di ogni colore
perchè ogni uomo è chiesa di nostro Signore.



15   Lu tempu 2

10 gennaio, 2013
poesia..Lu tempu...il tempo...

L'madre
lu tempu misura
cu la luna e lu sori
cuntendi ,
di la dì e di la notti ,
l'ori.
I lu tramuntà,
lu sori,
cun d'una striscia di luzi
illuminegghja
'Road S
di la dì cabbulata
c'anda assintendisi,
chena pressa,
i la rodda dill'istoria
di l’ommu,
undi, la dì prisenti
diventa arimani
lassendi chi lu dì nou,
cun folti mani,
tiria la funi all’ indumani.
La striscia di luzi
è l’ultimu
salutu di lu soli
a lu tempu chi fuggi,
è lu basciu a la luna
pa rigaralli
chissu splendori,
chi cunfolta a sirintina
li cori.
Cun chistu iogu
incurrissi di:
Avà la luna
dapoi lu soli,
iscumenza, gira e passa
dill’ommu la vita
d’alligria e durori
Gira la rodda
passa lu tempu,
cumenti di campana sonu,
La vita dura
un mamentu soru



traduzione      IL TEMPO
L'uomo
il tempo misura
con la luna ed il sole,
contando, del giorno e della notte,
le ore.
Al tramonto,
il sole
illumina il percorso
del giorno andato,
che
va a sistemarsi,
senza fretta,
nella ruota
della storia ,
dove il giorno vissuto
diventa ieri
lasciando
che il giorno nuovo,
con forti mani,
tiri la fune all'indomani.
La striscia di luce
è l'ultimo saluto del sole
al tempo che fugge,
è
il bacio alla luna
per regalarle quello splendore
che conforta,
alla sera il cuore.
Con questo gioco
di rincorrersi,
adesso la luna
dopo il sole,
inizia, gira e passa
la vita dell'uomo
in allegria e dolori.
Gira la ruota
passa il tempo,
come suono di campana,
la vita dura
un solo mommento


16               l'andà

Lu me 'anda,
so' passi leni
pa' chissa carreredda istarrata,
cumenti camineddu
di campagna
a la Tarra detto Amata.
Cuarchi olta è tolta,
o ha impidimentu
di macchjoni spinosu.
Dieci Pesues di lamentu Puo,
ingratu ripagamentu
pa chissi ragghj di luzi
chi da lu zelu
l'occhj mei azzendini
pa arrià a lu cori
e m'agghjuddani a camminà.
in altura o in falata
i la strada a me assignata
da disegnu di lu Sò Amori
Cumenti prenda stimata
pa la vita agghju amori;
pa li sò culori. l'odori, li soni
sintimenti antighi
prufundi di prinzipi e valori,
appresi da l'anziani
custodi rispittosi
d'onori e vuluntai
in silena salditai.



traduzione

Il camminare ( il vivere)

Il mio camminare,
son passi lenti,
su quella stradetta sterrata,
simile a sentiero di campagna,
della mia Terra amata.
A volte è storta,
oppure mi è impedimento
un cespuglio spinoso.
Mai, a Dio sollevo lamentele,
sarebbe un gesto d'ingratitudine
per quei raggi luminosi
che, dal cielo penetrano i miei occhi
per arrivare al cuore,
sostenendomi nel camminare,
in discesa o in salita,
nella strada a me assegnata
dal disegno del Suo Amore.
Come gioiello prezioso
amo la vita,
i suoi colori, i profumi, i suoni,
arcaici sentimenti
ricchi di principi e valori
appresi dagli anziani
rispettosi custodi
d'onore e volontà
in silenziosa sardità.


17                la passizzata
Chi cosa manna
m'ha posthu ogghj
i lu cori
la passizzata a lu mari;
non vi so dinà pa pagalla
I la palti in drentu di l' ipiagghja
il muntigghju fascio delle Nazioni Unite in rena,
tutta, di macchj e pianti piena,
nati impruvisamenti
in mezzu a chissu eldi,
chi mi pianaa l’occhj d'ungja dì.
Manci di fiori fucsia azzesi,
pariani rosi dilicayi e fini,
abbalti cumenti mani tesi,
giraddi a lu sori
e figghjulendi il jenti
“buongiorno “ salutaani cuntenti;
in mezzu a iddi
“ lu croccu” cu lu so fiori biancu
e ancora la “rosa marina”
s'appruntaani a abbrissi pa fulmà un mantu
di la Madonna degnu,
un veru incantu!.
Dinanzi a chissà visioni
una parola lu Zelu:
“grazie” babbu d’amori
risthoru, consurazioni
di tutti li cori.”




Traduzione
la passeggiata



Che intensa sensazione
ha sentito oggi il mio cuore
durante la passeggiata al mare
non vi è denaro che la possa pagare.
Nella parte interna della spiaggia
vi è una collinetta di rena
tutta di macchie e piante piena,
nate improvvisamente,
nel verde attorno,
di cui mi riempivo gli occhi
ogni giorno.
Macchie di fiori fucsia accese
simili a rose fini e delicate
rivolte al sole , osservavano la gente
“ buongiorno” sembravano salutar contente;
in mezzo a loro “ il crocco”
con il suo fiore bianco
e, ancora la “rosa marina”
si preparavano ad aprirsi
per formare un mantello
della Madonna degno,
un vero incanto!!
Davanti a quella visione,
una sola parola elevo al cielo:
“ grazie, Padre d'2013
Poesia
Pinsamenti in libbaltai

Murrugnu di neuli timpistosi,
a primu manzaniri,
la mè isciutata irraldaani
non mi dazi cori a pisaminni.
Li pinsamenti
i lu sonnu appiccicati,
cumenti criatura
a lu pettu di la mamma,
discansani lu di spiltà
palchi, riali niiddura
non disizani intuppà.
Abbalti l'occhj,
una vigghjulata a lu giornale
dapoi la televisioni,
cumizi e infulmazioni
cumenti maltiddati,
passendi pà l'aricchj
lu zalbeddu ti pienani
cun parauli faulagghj
Faeddani di tuttu e di lu cuntrariu,
cunfundini la jenti:
“ stemmu attenti!”
cu la scusa chi all'ecunumia
l'ha falatu unu raju,
li padroni,
catturare una vasta manghjatu s'agghjani
la pulpa e lu sustegnu,
Beddi Tenini sani li denti
e a costhi si la so dendi,
chena ritegnu,
pa cumprissi a manghjà l'ossi,
avà li so ambarati
solu li nosthri.
Cussì mi soggu isciddata
pà figghjulà da lu balconi
lu timpurari:
troni e lampi in cunfusioni
e piui, piui....pultendisi l'illusioni.



Traduzione
Pensieri in libertà



Brontolio di nubi tempestose
nel cielo di primo mattino
violano il mio risveglio
togliendomi, di alzarmi,la voglia.
I miei pensieri attaccati al sonno,
come bambino al seno della mamma,
allontanano il risveglio
chè, non desiderano incontrare,
della realtà, il grigiore.
Ormai sveglia,
un'occhiata al giornale,
poi la televisione
notizie e informazione,
come martellate
passando per l'orecchio,
il cervello riempiono
di parole bugiarde.
Di tutto e del contrario parlano,
confondono la gente:
“ attenzione!!!”
con la scusa che
all'economia è sceso un accidente,,
i padroni,
benchè , abbiano mangiato la polpa
e il di lei sostegno,
hanno ancora sani i denti.
Privi di dignità,
si prendono a botte
a più non posso
per mangiare
fino all' ultimo osso
ma , ora solo le nostre,
sono rimaste.
Così, mi son svegliata
per osservare dal balcone
il temporale,
tuoni e fulmini in confusione
e piove, piove....portandosi via
ogni illusione.


19              solu poesias

Come coraggiosi migratori
sparpagliati per i continenti
mai tagliarono ,
con la sarda terra, i legamenti.
Le tradizioni , i canti, i racconti
la sardità orgogliosamente forte
tramandata fu dagli anziani
rispettosa eredità di natia fonte.
Per la mia terra, anche io l'amor canto
emozionata di questo gruppo appartenenza
inaspettato invito, per me onore e vanto.

Cumenti cidduci ,aldimintosi migradori
straminati pa li cuntinenti
Maggio
l'annessi fiacchesini,
cu' la Saldigna, da li cori.
La custumanzia, li canti, li conti,
la saldiddai di sintimenti folti
tramandesini l'ansiani,
attinziunati galdiani
di l'ereditai di la natia fonti.
Pa mea Tarr pur'eu amore Cantu
ringraziendi cummossa li pueti
chi impriusamenti m'ani unurata
d'amicizia e vantu.




20 gennaio, 2013   

20                      la mè vaddj...gallurese,poesia con traduzione

La mea  vaddj

Mirendi,
in silenziosu
incantu,
l'aminu si paldi
vigghjulendi,
di la vaddj di lu Coghinas,
lu eldi mantu.
Da lu balconi,
li campi assintati
i colori del pa folma
ammmiru;
d'amori di Deu
si piena
lu cori meu.
Lu riu Coghinas,
passa in mezu,
lentu e silenziosu,
abba lu caminu
finz'a incuntrassi
cun lu so amori,
di Codaruinas,
l'azurru mari.
Ad occhj chjusi,
cu la memoria,
torru a vidè
li campi
pintati
da li stasghjoni:
li prosparosi vignali,
li sulchi
di scaccioffa bè ultinati,
li fruttai,
insembi, fazini a gara
di culori
furendi ragghj di sori.
Sirinitai mi Rigal
la me vaddj.
Candu soggu in tristura,
zilca, in idda
la sò cunsulazioni,
lu me cori.
Una prighiera
si pesa lizera
pa ringrazià Deu
cun sinzera divozioni.

la mia valle

Ammiro
in silenzioso incanto,
l'animo perduto
nell'osservare,
della valle del Coghinas,
il verde mantello.
Dalla mia finestra,
i campi sistemati
per forme e colori
ammiro,
d'amor Divino
si riempie
il cuor mio.
Il fiume Coghinas
lo dimezza,
lento e silenzioso
disseta
lungo il suo percorso,
finchè
non incontra con il suo amore,
di Codaruinas
l'azzurro mare.
Ad occhi chiusi,
con la memoria,
rivedo i campi
ridipinti dalle stagioni:
i ricchi vigneti,
i campi con i solchi ordinati
 dei carciofi,
i frutteti,
gareggiano tra loro
per color,
rubano raggi di sole.
Serenità mi dona
la mia valle,
quando è triste
consolazione cerca in lei
il mio cuore.
Una preghiera
sale leggera,
ringrazia Dio
con sincera devozione.




22

La menti

Non v'ha pazi pa la menti
mancari sii
falatu spintu
pa lu straccughjni,
li pinsamenti
mai arreghjni.
Cumenti frummiguri
uparativi
n'escini da ungia biccu
buchendini
Sutta a la Tarra
cosi schicciatj,
di lu tempu
imbolighi
di alligria o tristura
chi potariani
fa piazeri
o vulutu
smintigà
ma di riposu ,
afficu non v'ha.
Segna la menti,
di la idda l'andà....
e chi duria!!!
Lu mamentu
chi chiss'andera
avarà a cumprì,
la niedda sera
sarà falata
e la vita
cumpriti avarà li sò dì.

traduzione
Mente

Non ha mai riposo la mente
anche se sei
dalla stanchezza sfinito
i pensieri non hanno quiete.
Venire
formiche operative
escono escono da ogno poro
svegliando
dagli anfratti nascosti,
pensieri schiscciati dal tempo,
avvolti dalla tristezza o allegria
pensieri che credevi morti,
che potrebbero farti piacere
o desiderato dimenticare
speranza di riposo
non ti sanno dare.
Registrati mente
della vita l'andare
e che duri!
chè quando sarà
terminato quel registrare
sarà arrivata
la nera sera
chiudendo la vita



23 Lu vicinatu ... 18-6-2013




Acchjarata a lu balconi
fighjolu lu mio vicinatu
li caseddi ecchj e soli
chjusi e di accoglienza intasati.
Passatu è lu tempu
dell'alligria buldiddosa
di minori, manni
CANDU steddj, ecchj,
cuiuati chjoani è vaghjani
tiniani lu vicinatu
cumenti una familia,
undi, ugna cosa s'ispaltia
in cuntintesia o dulori,
una manu pà l'altra
in rispettu e onori.
Unu da fatu all'altru,
l'ansiani
si ni sò andati,
cumenti l'anni.
Li chjoani si so allalgati
pà cilcà trabagliu
appizzu a Tarri luntani.
Cun malincunia
la mè menti,
adananzi a li caseddi,
ripassa li meddu mamenti
d'ugna stasgioni:
lu pani fattu in casa
o li cosi boni,
lu caminu azzesu
li conti, li foli di l'ansiani
ascultati cun rispettu,
lumi d'affetu.
ABA, un sirintina,
a lu toccu di la campana,
quattru vecchjareddi
falani lentamenti
Messa vespertina il pane.



Traduzione

Il vicinato



Affacciata alla finestra
guardo il mio “vicinato”
le casette vecchie e sole
non hanno più parole.
Trascorso è il tempo
della chiassosa allegria
di piccini e adulti
quando
bambini, giovani, vecchi,
scapoli o sposati
tenevano il vicinato
come un'unica famiglia,
dove ogni cosa si divideva
sia di gioia che di dolore,
una mano per l'altra
con rispetto e onore.
Uno dopo l'altro
i più grandi
sono volati
come gli anni.
I giovani sono andati
verso Terre lontane dalla loro
in cerca di lavoro.
La mente mia,
di fronte a quell'abbandono,
rivive i migliori momenti
ad ogni stagione legati:
il pane fatto in casa
o i dolci,
il caminetto acceso,
le favole, i racconti
degli anziani
ascoltati con rispetto
illuminavano di affetto.
Adesso, alla sera,
al suono della campana
quattro vecchietti
lentamente affrontano la discesa
per recarsi alla chiesa.






Nessun commento: