La fantasia e il tempo viaggiano insieme mescolando i colori

BENVENUTI NEL MIO BLOG...il mio diario di viaggio tra fantasia e realtà. Se passate lasciate un commento..mi farete cosa gradita Mariantonietta

Visualizzazioni totali

se ti piacciono i miei "appunti di viaggio" iscriviti tra i miei lettori fissi.....mi farà piacere.

30 luglio, 2016

poesia in gallurese con traduzione ...premio menzione d'onore concorso

La teggia di lu riu

In d'un pòiu di riu
è mè disizu abbà
li sulchi di l'àmina
brammìti di friscura.
Pusata nant'a 'na teggia,
ad occi ciusi, mi paldu
i la mimmòria di la mè ciuintura
Sprìnduli di stelli d'oru
bulàani, ill'aria tèbbia, a sirintina.
Prufummàa di pani caldu
lu granu assuliatu,
e lu 'entu giughendi cù li fiori,
di chiss'odori mi pianàa lu cori
La luna scurrendi lu soli
briddàa a cara piena
imprattèndi lu riu cù lu sò splendori.
Pinzellu Divinu pintàa
trìmini d'umbri
di maccioni, di frundi,
e d'animali appagati.
Almunia di soni e culori
cantàa la natura
accultu a lu riu!
Avali
tuttu è muttatu!
Da nant'a la teggia,
non viliggia più la sciumma bianca
di sudori di campagna,
l'ea scurri grigia e in tristura.
La frina a sirintina
làgrimmi di melma umana
sprinduleggia
nant'a la mimmoria
di la mè ciuintura





Sònniu Silenu















Traduzione
La pietra piatta del fiume

In una pozza del fiume
desidero dissetare
i solchi della mia anima
bramosi di frescura.
Seduta sopra una pietra piatta ( usata dalle lavandaie)
ad occhi chiusi mi abbandono
ai ricordi della mia gioventù.
Gocce di stelle d'oro
volavano nell'aria tiepida della sera ( le lucciole)
profumava di pane caldo
il grano assolato
e il vento, giocando con i fiori,
di quei profumi riempiva il mio cuore.
La luna, spostando il sole,
lucente, a pieno viso,
inargentava il fiume del suo splendore.
Pennello Divino vi dipingeva
tremolio d'ombre
di macchia mediterranea, di fronde
e di animali appagati.
Armonia di suoni e colori
era la natura
vicino al fiume.
Ora
tutto è cambiato.
Da sopra la pietra piatta
non veleggia più la schiuma bianca
del sudore della campagna,
scorre l'acqua grigia e triste.
La brina, alla sera,
lacrime di fango umano
piove
sui ricordi
della mia gioventù.




2 commenti:

Fata Confetto ha detto...

Ciao Mietta,
ogni tanto ti ritrovo, sempre con piacere.
Bei versi , vivi nel sentimento e descrittivi in modo realitico fuso con il senso poetico che ti contraddistingue: complimenti per il meritato premio, un abbraccio
Marilena

maria antonietta Sechi ha detto...

grazie
MARILENA
IL PIACERE è MIO
buona estate
un abbraccio
mietta