La fantasia e il tempo viaggiano insieme mescolando i colori

BENVENUTI NEL MIO BLOG...il mio diario di viaggio tra fantasia e realtà. Se passate lasciate un commento..mi farete cosa gradita Mariantonietta

Visualizzazioni totali

se ti piacciono i miei "appunti di viaggio" iscriviti tra i miei lettori fissi.....mi farà piacere.

25 marzo, 2015

poesia...Lume di Speranza

 Puisia : Luzi d' ispirànzia ( cuzinesu-gadduresu)   con traduzione

A una iaga accultu
cun l'animu in afannu,
una scuta, pusata mi sogu.
Camminesi di sulcu,in sulcu
in zilca di sintimentu,
più folti ch' i la Tarra,
pà lu mè cori scuntentu.
Unu gietu d'ea ciara
falàa da una rocca
cicciulendi in alligria
zilcàa la mè cumpangìa
ed eu, la siti m'aggiu bugatu
a chiss'occi d'ea cristallina.
Trostu di trumma d'angioni
da lu pasculu falendi
infattu a lu pastori,
cun soni d'allegri campaneddi,
attiresini la mè attinzioni.
Vultesimi,
a incantu d'apparita,
lu me cori slalghèsi
pà trattinì tulbamentu di visioni.
Lu pastori,
dirràmendi luzi d'amori
ciammà pà nommu
d'ungia angioni
chi intràa i lu Sò pasciali
e candu lu camminu paldiani
li frusciàa, li zilcàa
curàà li firuti
cunfultàa li cori
d'afannu abbuluttati
commu Babbu d'Amori.
Lu chi zilcàa,
era in chissu pasciali.
Iscitada,
lu cori allumatu
da sognu sì beddu
zilcu lu Sò pasciali
la Sò luzi, lu Sò pani
e Iddu, mancari indegna,
lu seru a me accultu.



Traduzione
Lume di Speranza.

Vicino al cancello di un ovile,
con l'anima affannata
mi sono, per un attimo, seduta.
Di solco,in solco avevo camminato
in cerca di un sentimento,
più forte di quelli che
la Terra aveva dato
al mio cuore insoddisfatto.
Una sorgente di acqua chiara
scendeva da una roccia,
gorgogliando allegra,
a sé mi chiamava
ed io mi dissetai
a quella fonte cristallina.
Scalpiccio di zoccoletti
di un gregge di agnelli
che scendevano dal pascolo
seguendo il pastore,
con suoni di allegre campanelle,
attirarono la mia attenzione.
Mi voltai
incantata da quella visione,
il cuore mio si dilatò
per contenere l'emozione.
Il Pastore,
irradiando luce d'amore,
chiamava per nome ogni agnello
che lieto s'appressava al Suo ovile.
Quando smarrivano il sentiero
le fischiava, le cercava,
curava loro le ferite,
consolava i cuori
turbati dall'affanno
come Padre amorevole.
Ciò che cercavo
era in quell'ovile.
Svegliatami,
con il cuore infiammato
da quel sogno così bello,
vado in cerca del suo ovile,
della Sua luce, del Suo pane
ed Egli, anche se indegna,
Lo sento a me vicino.






Nessun commento: