La fantasia e il tempo viaggiano insieme mescolando i colori

BENVENUTI NEL MIO BLOG...il mio diario di viaggio tra fantasia e realtà. Se passate lasciate un commento..mi farete cosa gradita Mariantonietta

Visualizzazioni totali

se ti piacciono i miei "appunti di viaggio" iscriviti tra i miei lettori fissi.....mi farà piacere.

27 giugno, 2014

Puisia in ottave...Sardo Coghinese con traduzione

Puisia...La linga salda. .........................Cuzinesu cun traduzioni.


Da la ciuintui, in pettu tinia
disiu ingrugnitu di rimpiantu
di no aè imparatu bè e a tempu
di lu faeddatu natiu la miludia.
Pisatu in bolu lu lamentu
arriatu è a lu cori di cà pudia.
E, ill'attugnu di lu mè andà,
di li palduti noti, imparu a cantà.

La me Tarra è lu pentagramma
li soni e li tempi diriggi la natura
faeta la sò linga ugnia criatura,
parauli pregni di ricchesa manna,
antica linga di sàia fattura
nata tra li sulchi di la sò mamma.
Da lu lauriatu a lu pastoreddu
dugnunu onora e vanta lu sò faeddu.

Cantu, li mè primmi ottavi in cuzinesu,
agghiu cuminciatu, appena acc'annu,
attenta a lu mastru Rinu Cambiganu
pueta fini, lu cori di nubiltai accesu.
Mi paldonia, siddu chi, 'agghju datu affannu
lu ringraziegghju pal chi pazinziosu.
E li pueti, chi poi agghju cunnotu
abbratzu, pà lu consideru e salutu,

La lingua Sarda...................Traduzione
Dalla giovinezza portavo nel seno
un desiderio, rannuvolato di rimpianto
per non aver appreso bene e a suo tempo
la melodia della mia lingua natia.
Dal mio cuore si è elevata una richiesta
che è arrivata a chi mi poteva aiutare.
Così che nell'Autunno della mia vita
imparo le parole perdute e le canto. (rime)

La mia Terra è il pentagramma
i suoni e i tempi li dirige la natura
parla la sua lingua ogni sua creatura.
Son parole cariche di ricchezza espressiva
chè il Sardo è ricco di saggezza
costruita lavorando i solchi della sua Mamma Terra.
Dal pastorello al laureato
ciascuno dà onore e vanto al suo Sardo parlato
,
Rimo le mie prime ottave, in Coghinese
premetto che ho cominciato a studiare solo dall'inizio dell'anno,
molto attenta agli scritti di colui che io considero “il mio maestro”...Rino Cambiganu
poeta raffinato, dal cuore nobile.
Mi perdoni il maestro, se il mio chieder, gli ha creato stanchezza
lo ringrazio per la pazienza.
E a tutti i “poeti” che ho conosciuto dopo il maestro
un abbraccio per la considerazione con la quale mi onorano ed un saluto.




2 commenti:

Xavier Queer ha detto...

La tua terra è davvero straordinaria, ricca di quella ricchezza che scaturisce da anime nobili, antica, solida, sincera, che accoglie i suoi figli con tanto amore.
Ciao nonna bis :)

maria antonietta Sechi ha detto...

grazie Xav
La nobiltà d'animo coglie chi animo nobile possiede
ciao nipote caro