La fantasia e il tempo viaggiano insieme mescolando i colori

BENVENUTI NEL MIO BLOG...il mio diario di viaggio tra fantasia e realtà. Se passate lasciate un commento..mi farete cosa gradita Mariantonietta

Visualizzazioni totali

se ti piacciono i miei "appunti di viaggio" iscriviti tra i miei lettori fissi.....mi farà piacere.

19 marzo, 2014

Attimi...oggi è la festa del papà

Io non credo in questo tipo di feste.
Penso che le persone si debbano amare e rispettare sempre...però oggi mi sono svegliata di malumore.
Non ricordavo nemmeno che fosse il giorno che "la T.V. commerciale ha dedicato alla festa del papà ,spodestando dal trono del diritto di "padre" a San Giuseppe, Padre Putativo, primo esempio di famiglia allargata....
Auguro buon San Giuseppe a chi padre E' , ai miei figli, a chi vive il sentimento paterno aldilà della reale paternità, ai papà adottivi.....ai papà che furono
A mio padre ...più scorre il tempo più mi manca
Una mia amica di Siviglia ha tradotto una poesia che io dedicai a mio padre.
Con gratitudine ed emozione la condivido con voi...

in italiano la trovate nella pagina "poesie", il titolo :  tradita da un tango

"A mi padre" porque el tango era una de sus pasiones....... nunca te he dedicado nada, pero estás en mi corazón como el primer día, vivo. He traducido esta poesía, una amiga ha tenido la amabilidad de compartirla conmigo.

El acordeón respiraba un tango
de colores desvanecidos en el tiempo,
aferrándose con viva fuerza
similar a oleadas
en la maraña de espinas
custodiadas por los recuerdos dolorosos.
La música avanzaba,
volví a ver a mi padre,
de aquel tango
apasionado pretendiente,
irse lentamente
en compañía de un ávido mal
dejando detrás de mis hombros
una vorágine, el vacío, el dolor
la inseguridad del abandono.
Las conversaciones jamás hechas
las palabras no dichas
los sentimientos no exteriorizados
las escusas jamás pedidas
el corazón me duele.
Papá,
te has ido en el tiempo en el cual,
la maternidad haciéndome adulta,
había abierto en mi
la conciencia
de que tus reglas impositivas
eran dictada por el amor paternal
de tu bondad.
Marido, hijos, nietos
son y serán la esencia de mi vida
Sin embargo con el tango,
el corazón llora
los silencios, los vacíos
de tu prematura partida.

7 commenti:

Olgica T ha detto...

Anch'io penso che questa festa sia solo commerciale.Buona serata Mietta...

adriana ha detto...

Ti ringrazio della visita e ti faccio tanti complimenti per il tuo blog...sono andata un po' indietro a leggerlo e mi piace molto,l'ultima poesia tradotta è molto suggestiva .
Vivi in Sardegna?

MikiMoz ha detto...

Oh, beh, i Santi possiamo lasciarli perdere, qualche volta, in questa Italia papalina! W i papà, più papà e meno papa! ;)

Moz-

maria antonietta Sechi ha detto...

ringrazio tutti per essere passati da me.
Anche per me è un piacere passare da voi.
Sono curiosa e mi piace conoscere "l'altro" quando si mette in gioco.
Moz...mi hai fatto sorridere( è una affermazione priva d'ironia)...la tua polemica è giustificata :noi donne abbiamo diverse ricorrenze che esaltano la nostra femminilità ed uso questo termine perchè qualche sfortunata ha il suo "giorno speciale" dove la romantica femminilità è diventata "femminicidio". Sono d'accordo che anche i papà abbiano un giusto riconoscimento del proprio ruolo ma non un giorno ...sempre, tutti i giorni dell'anno. In questo tempo , i papà hanno assunto un ruolo molto importante nella gestione ,anche pratica " della famiglia. <<<<Condivide pienamente i compiti che una volta erano esclusivi della donna. w i papà non oggi ma domani e ancora domani...w i papà che assistono al parto, che cambiano il pannolino, che fanno il bagnetto al bambini, che lo accompagnano o riprendono dal nido, che preparano la "pappa" mentre aspettano la mamma,che raccontano le storielle, che giocano..nonostante la stanchezza...io non ho vissuto questo bellissimo " essere papà" nè come figlia,nè come moglie...però come madre di due splendidi papà.
Quel che non sopporto è che questo giorno di "festa" sia stato inventato dalla pubblicità del "brandy stock" proprio nel giorno della Sacra festività di San Giuseppe...padre adottato e non , per esempio,il primo Maggio, magari insieme alle donne ,visto che il compito con più carichi di responsabilità è proprio quello di fare i genitori...perchè tutti nasciamo figli...genitori si diventa cammin facendo...un abbraccio a tutti
mariantonietta..vi aspetto ancora

maria antonietta Sechi ha detto...

Scusate ho scordato di specificare che nel mio post su "la festa del papà" la mia polemica era riferita anche al fatto che piuttosto che ricordare il papà come un bevitore di brandy meglio San Giuseppe falegname con il compito di allevare un figlio non suo.
smack,smack

Stella Paola ha detto...

Assolutamente d'accordo col dire che non serve un giorno specifico per ricordare a chi ti ha dato la vita che lo ami.
Ed è proprio vero che è genitore chi i figli li ama e li cresce, non soltanto chi li mette al mondo.
Amo profondamente papà, ma glielo ricordo ogni giorno :)
Un abbraccio, e bella anche la poesia

maria antonietta Sechi ha detto...

Carissima Stella Paola
grazie
tieni caro il tuo papà....
un abbraccio
mariantonietta