07 novembre, 2013

poesia in gallurese..lu me cantu..il mio canto

7-11.2013
Lu me cantu
Mi soccu arressa un mamentu ogghj
figghjulendi pinsamintosa a li me spaddi
cu la cussenzia di l'anni passati
immagghjni di la mimoria presu m'ani l'occhj.

La famiria nummarosa di anziani e minori
li casi accultu cumenti nidi di piggioni,
li più manni rigulaani li rasgioni
in rispittosa comunitai di pani e amori

Pusata i lu scalinu di lu nidu sulitariu
i la menti li boci amati di li piggioni bulati
in zelu sò li custodi di li reguli tramandati
in palduta storia ,piengini lagrimi a riu.

Li ghjnirazioni noi cilchendi lu meddu
abbandunatu ani li valori di la familia
si piddani , si lacani chena maraiglia
e li steddi? Tra mammi, babbi noi, ghjà stani abbeddu!!!

per la traduzione clikka su --poesie in gallurese con traduzione
grazie

               

2 commenti:

Silvì ha detto...

Quanto è bella la Gallura. Me la sogno certe volte, ricordando i bei giorni trascorsi durante le vacanze degli ultimi anni,alla ricerca di paesaggi mai visti e di memorie lontane, scavando tra i ricordi dei racconti di mio nonno, nato ad Assolo e siciliano per motivi di lavoro. Ricordo che da bambina, mentre trascorrevo le vacanze scolastiche con loro, mi raccontava di un mondo mai visto e di tradizioni lontane. Quanti bei ricordi.

maria antonietta Sechi ha detto...

Sei gentile
anche io viaggio spesso, al rientro appena respiro l'aria di casa mia mi emoziono. OgniTerra ha le sue caratteristiche, tradizioni...la vita è bella ovunque ma, il profumo della mia Terra...è unico..un abbraccio