La fantasia e il tempo viaggiano insieme mescolando i colori

BENVENUTI NEL MIO BLOG...il mio diario di viaggio tra fantasia e realtà. Se passate lasciate un commento..mi farete cosa gradita Mariantonietta

Visualizzazioni totali

se ti piacciono i miei "appunti di viaggio" iscriviti tra i miei lettori fissi.....mi farà piacere.

11 gennaio, 2012

poesia......le rose

Per grazia ed eleganza,
come divinità
in paradisiaco giardino,
la rosa eccelle con color di petali
e meravigliosa fragranza.
Preziosa nella moltitudine
di variegati colori e qualità
parla al cuore
di sentimenti timidi,
mai spenti,
manifesta  espressione
densa di umanità.
Nel silenzio,
a rilassata anima,
parla la rosa bianca
di un amore spirituale
adorno di purezza
fedeltà e innocenza.
Gialla è la gelosia,
ossessivo pensiero
di tradimento oscuro.
Affidato alla rosa color
del fior di  pesco
è l’amor nel cor nascosto
Rossa,
dichiarato amore,
sensuale trasporto
di accesa passione.
Se scuro è il suo rossore
è poggiata,
 con lacrimar
di dolore
sul cuscino di un affetto
che della vita
ha chiuse le ore.
Rosa chiara o scura,
profuma
di amicizia sincera
ammantata di affetto
comprensione, vera.
La rosa Tea
dona serenità al cuore,
espressione
d’appagamento d’amore.
La preferita mia,
la rosa canina,
è l’indipendenza
il dolore, la gioia
la delicatezza
nell’espressiva poesia
Per ogni sentimento
Vi è una rosa
Quella ove ognuno
si ritrova
essa è la più preziosa


10 gennaio, 2012

poesia.........solitudine.....


Solitudine

Sguardi perduti
all’orizzonte del nulla
sogni mai appagati
come caduche foglie
lo spirito ammantano
Mani tese
mai pietà cercarono
ma altre sincere mani,
insorta beatitudine
nel versar
l’amaro lacrimar
di solitudine.


ringrazio l'amico-poeta Lussorio Cambiganu per aver tradotto la mia poesia "solitudine" nel suo dialetto colorandola di orgogliosa sardità

a sa sola

Ojadas ispeldidas
in su nudda ‘e s’orizzonte,
sonnios mal’ apagados,
che fozas rutas
ammantuana s’ispideru .
Manos abeltas,
chi no chilcan pieidade
ma ateras manos sintzeras.
Biadidudine s’arritzat
etende
ranchidas lagrimas
de ospile.