La fantasia e il tempo viaggiano insieme mescolando i colori

BENVENUTI NEL MIO BLOG...il mio diario di viaggio tra fantasia e realtà. Se passate lasciate un commento..mi farete cosa gradita Mariantonietta

Visualizzazioni totali

se ti piacciono i miei "appunti di viaggio" iscriviti tra i miei lettori fissi.....mi farà piacere.

24 luglio, 2012

Una storia senza tempo...ottava parte


Era il giorno nel quale sua figlia avrebbe compiuto quindici anni.
Tania , quel mattino si svegliò con quel pensiero. Stesa sul letto, le braccia incrociate dietro la testa , osservava un raggio di sole che, noncurante dei pensieri tristi della donna, penetrando da una fessura della finestra, illuminò la stanza con un radioso spicchio di luce..
sorridi, sorridi !” gli parlò la donna “ tu puoi ”
Mentre si crogiolava nei suoi pensieri sentì provenire dall'esterno il rumore di zoccoletti di pecorelle ed udì la voce di giovane donna che richiamava un cagnolino.
La curiosità cacciò l'indolenza di Tania che, sollevatasi dal letto, si accostò alla finestra.
Aprì le persiane ed affacciatasi vide una giovane pastorella, che conduceva il suo gregge al pascolo.
Tania sorrise.
Era tutto così buffo. Ella era abituata a vedere greggi che passavano per la strada ma, mai piccolo come questo.
Cinque pecorelle trotterellavano dietro alla pastorella che, parlava loro chiamandole ciascuna con il proprio nome.
Birillo, il cagnolino dal pelo bianco, saltellando le teneva raggruppate dietro la pastorella, riservando per lui in privilegio di stare al fianco della sua padroncina.
Tania osservò la giovane: era molto graziosa , un viso sereno contornato da un nastro rosso che le raccoglieva i lunghi capelli .
Sentendosi osservata la giovane sollevò il viso e mostrando due splendidi occhi ed uno smagliante sorriso, salutò
buona giornata signora!”
anche a te mia cara !” fu la risposta di Tania.
Rallegrata da quell'incontro ,la donna, si preparò . Aveva un impegno: prima di recarsi al campo avrebbe fatto la “consueta” visitina al porto.
Il vapore arrivava dal “Continente” una volta al mese e lei, instancabile, da tempo, si avvicinava per vedere scendere i passeggeri ,per chiedere, a qualche cortese marinaio, se conosceva Giosuè.
La risposta era sempre la stessa:
no, signora mi dispiace.”
Ella guardava l'orizzonte cercando d'intravvedere i suoi amori ,oltre quella linea curva.
Anche stavolta si allontanò dal porto tristemente:
dovrò risparmiare per poter andare alla loro ricerca oltre il mare!”
Si ripeteva sulla strada che l'avrebbe condotta al suo campo.
Lavorò e al tramontare del sole ritornò a casa.
Nel salire i gradini sentì il saltellante zoccolio del mattino.
arriva la pastorella !” disse ,mentre, ridiscendeva i gradini.
ciao bella pastorella! Ma, scusami l'indiscrezione, abiti qui?”
si, signora, ho una casetta nello spiazzo di valle ove scorre il fiume. “
vi abiti da tanto? Non ti ho mai vista!” parlò con insistente curiosità Tania.
no, signora, sono arrivata in questo posto in inverno, voi non mi avete mai vista perchè nel periodo freddo le mie pecore pascolavano nel prato attorno alla casetta, adesso , le porto in collina per pascolare al fresco!”
mi chiamo Tania, ti prego non chiamarmi signora!” si presentò la donna
ed io Marienne” rispose la ragazza presentandosi a sua volta.
sei giovanissima!” riprese Tania “vivi sola?”
si Tania” rispose la giovane “ho quindici anni, la mia mamma morì lo scorso autunno, il mio patrigno...ehem..” fece una pausa di sospensione, quasi a cercare le parole giuste, poi riprese
il mio patrigno mi cacciò di casa. Io racimolai il denaro che la mamma mi aveva dato perchè lo custodissi nascostamente dal marito e scappai.
Arrivata in questo luogo ove il fiume si incontra con il mare, me ne innamorai.
Decisi di rimanere. Recatami dal sindaco , con il suo aiuto ho comprato la casetta con il prato e le mie cinque pecorelle...!”
Non riuscì a proseguire, Tania, con slancio materno la strinse a sé
Marienne, figliola conta su di me, ti aiuterò, se tu vorrai ti starò vicina come una mamma....”
grazie!” disse la ragazza.
senti “ propose Tania con l'amore che sapeva donare agli altri “ perchè non dirigi le pecorelle nel retro del mio giardino e non vieni su? Ci faremo una buona tisana...!”
non voglio disturbare!” rispose la giovane con lo sguardo che contraddiceva la risposta.
oohhh smettila!”
Sistemate le pecore ed il cane, Tania accompagnò Marienne nella sua casa.
Dopo la tisana ,la giovane salutò “l'amica” e ritornò alla sua casette ed all'ovile.
I giorni trascorrevano e così i mesi.
Tania si affezionò alla giovane . Ogni mattina l'aspettava davanti la finestra per salutarla, alla sera prendevano la tisana insieme.
Frequentavano la chiesa, prestavano il loro aiuto nella vita parrocchiale.
Un giorno di Autunno avanzato, Tania strappava le erbacce tra i solchi del suo campicello.
Il pensiero ritornò ai suoi amori dispersi chissà dove.
Si sentì, improvvisamente stanca, raggiunse un salice che cresceva ai bordi del campo, si distese ai suoi piedi, si coprì con la mantella e si addormentò. Nel sonno rivisse le parti più tormentate della sua vita.
I genitori mai conosciuti, la sua vecchia nonna, Giosuè, sua figlia...presa dai ricordi parlava ad alta voce.
Marienne ,cercando pascolo per le pecorelle,la vide ed accostatasi l'ascoltò.
povera donna !” pensò la giovane “quali grandi pene stai rivivendo nel sonno?
Marienne si tolse la mantella e coprì meglio Tania, chiamò accanto a sé Birillo e gli parlò:
senti piccolo mio, stai accanto a Tania, proteggila e quando si sveglierà tienile compagnia”
Tania si svegliò che il sole tramontava. Vide Birillo e notò che aveva addosso due mantelle.
Il cuore le si addolcì, raccolse le mantelle, coccolò birillo
è passata Marienne, che brava figliola!” pensò Tania. Poi rivolta al cane
dai Birillo andiamo a restituire la mantella alla tua padroncina e a ringraziarla”
Il cane, scodinzolando per la gioia, condusse la donna alla casa della giovane.
Marienne era nell'ovile, seduta sopra uno sgabellino mungeva le pecore.
ciao cara amica” disse Tania
la giovane che , presa dal lavoro, non aveva udito l'arrivo dell'amica, diede un sobbalzo e dalla scollatura della camicetta fuoriuscì una catenina, al posto della medaglia pendeva una “T”
Tania si bloccò.
Riconobbe subito la catenina ma che ci faceva al collo di Marienne, si chiese incredula.
La giovane si avvicinò a Tania
mi hai preoccupata !” disse “ ti ho trovata ai piedi del salice in tormentato sonno....stai meglio? Ti sei ripresa?...ti vedo pallida !” aggiunse abbracciando l'amica.
tieni bevi del latte fresco!” invitò, porgendo alla donna una ciotola di latte.
grazie Marienne,” rispose Tania che, dopo aver bevuto il latte salutò.
Sentiva la necessità di ritornare alla sua casetta per riflettere e confrontare le informazioni avute dalla madre Superiora con la storia raccontata da Marienne.
Come poteva avere Marienne quella catenina?”

    
















6 commenti:

fata confetto ha detto...

Ciao M.A. , sono un po' in ritardo e più si allunga la lettura nuova e più è difficile trovare il tempo per leggere con soddisfazione. Una bella vicenda, con le caratteristiche del romanzo classico e particolari molto realistici che ci fanno conoscere ed amare la tua Sardegna. A presto :-)))

Anna RosaRossa Calisti ha detto...

Ciao Maria Antonietta, riesco solo ora a passare da te,vedo qui sopra la mia fatina confetto,la dolce Marilena, c'è una bella atmosfera qui da te, serena e rilassante, hai ragione è molto bella la tua terra,io ne ho visto solo una piccola parte nel Cagliaritano nell'82, quando venimmo in visita ad un fratello di mio marito,carabiniere sposato con una sarda, di S.Vito,perdona se non sono passata prima ma tra ricoveri ospedalieri interventi chirurgici,un gruppo (tipo le vecchie community di MSN) da seguire, il blog, la grafica, facebook,13 gruppi tipo il mio in cui sono iscritta e spesso vice gestore;mi servirebbero giornate da 48/57 ore……eheehh scusami, un sorriso un abbraccio e tanti bacini sparsi, a presto spero…… ;-)))))

fata confetto ha detto...

Ciao M.A., ho ricevuto da un blogger l'invito, da estendere anche ad altri autori, ad inviare alla fondazione di cui trascrivo il link poesie dedicate alla Madonna, per essere inserite in una antologia mariana. Trascrivo anche la mail

http://www.fondazioneilpellicano.it/?p=1925


e.feduzzi@alice.it

saluti cari. M.

fata confetto ha detto...

ERRATA CORRIGE
ecco la mail corretta

e.feduzi@alice.it

con una zeta sola!
Chi non ha cervello abbia gambe, si dice da noi: nel mio caso...abbia tastiera. Ciaociao, M.

maria antonietta ha detto...

ciao ragazze
sono appena rientrata da Venezia, viaggio di "nozze smeraldo"
ai,ai,ai...l'età si sente...eheheheh...come è pesante salire e scendere le scale di vari ponti, ponticini e musei...ne è valsa la pena...Venezia è splendida...
leggo con piacere diverse e nuove visite nel mio blog.
Questo scambio di corrispondenza mi piace.
Vi mando un abbraccio.Anna Rosa, carissima, grazie per avermi raccontato l'anedotto di una tua esperienza in terra sarda
Cara Marilena sfoglierò il mio blog e cercherò le poesie che ho dedicato alla Madonna..............grazie x l'invito...sempre dolcemente gentile...smack...

fata confetto ha detto...

Ciao Maria Antonietta, sono contenta per te per la visita nell'incanto di Venezia, sempre unica! Da Fata Confetto un premio ti aspetta;
è dedicato ai blogger che attraverso i post
ci fanno conoscere la loro vita...e quando si scrive si rivela sempre qualcosa di noi.
Sento che molti blogger rimandano a settembre l'assegnazione del premio ai loro
prescelti e, come sempre anche le regole non sono così prescrittive.
E' piuttosto un modo per consolidare i contatti in rete e salutarci una volta di più!:-)) Marilena